Il pellet Migliore?

Il pellet migliore?

(Premesso che non ho l’esperienza di chi lo fa davvero)

Per moda i rivenditori dicono che il migliore è quello di faggio e cercano di spacciare per faggio tutto il pellet che vendono (persino quando sull’etichetta c’è scritto “legno vergine”)….

I produttori di stufe invece normalmente lodano il pellet chiaro (white pellet) fatto con conifere (es.: abete) perchè con maggiore potere calorifico rispetto agli altri legni (la stufa sembra più potente)

Gli utenti, spaventati dai prezzi, a volte si rifugiano in qualche surrogato del legno (sansa, vinaccia, cereali, soia, mais, nocciolino d’oliva, ect). Surrogati con problemi di accensione, stufa intasanti, a volte puzzolenti o peggio inquinanti ma un pò più economici.

I produttori di pellet non sempre hanno molta materia prima e capita ( i disonesti sono ovunque) che vengano aggiunti mobili macinati (magari con chiodi e tutto) o altro a fantasia (argilla, terra, cartone, immondizia varia…) ma per fortuna l’etichetta assicura sempre che trattasi di “puro legno”, qualcuno più onesto (???) dice invece “di origine vegetale”…

Ed io?
Il faggio (se esistesse) lascia meno scorie, l’abete rende di più… Però l’importante che sia legno e solo quello e soprattutto ben lavorato e ben conservato. Forse bisogna sfatare i miti.

Un pellet misto ad alto rendimento bagnato e sfarinato serve al massimo per concimare i fiori.

Ciao da Cancamilin

Info su cancamilin

Centro assistenza tecnica delle principali marche di stufe a pellet. Opero nel sud della Sardegna ma nello spirito del web sono lieto di condividere con ogni dove. A volte sono di parte.

304 risposte a Il pellet Migliore?

  1. Carlotta scrive:

    Ciao,
    in vista del restauro completo del mio appartamento in montagnaho deciso finalmente di mettere anche l’impianto di riscaldamento (INESISTENTE fin’ora…) e mi sono orientata sulle stufe a pellet.
    Ti scrivo per chiederti dei consigli, in quanto ho come l’impressione di non capirci assolutamente un tubo dell’argomento (donna 22 anni…) e non vorri che un venditore carogna mi appioppasse delle stufe inadeguate giusto per armi spendere….
    Alcuni dati:
    la casa si trova a 1000mt
    in inverno la temperatura a volte arriva circa sotto i 20°
    la costruzzione è molto vecchia, i muri sono spessi circa 30-40 cm
    la zona che io devo scaldare è posta su 2 piani
    le due stanze sono di circa 20 m2 l’una

    Mi ero orientata su una stufa della PALAZZETI, mi sono fatta fare anche un preventivo…
    mi parlavano distufe canalizzabili:
    Ecofire da inserimento
    Molly
    Sissy
    Gaya

    Fammi sapere se mi puoi aiutare, te ne sarei veramente grata.
    Se ti servono ulteriori info o vuoi scrivere direttamente alla mail il mio indirizzo è:
    carlottazanon@libero.it

    Grazie ciao
    Carlotta

  2. Paola scrive:

    Il pellet migliore mi dicono che è quello di abete e di faggio.

    E’ vero?

  3. cancamilin scrive:

    x Carlotta
    se vivi in un posto freddo la prima spesa che ti conviene affrontare nel riscaldamento è la coibentazione della casa dove vivi.
    Se la casa è ben isolata dall’esterno e non hai soffitti molto alti (consigliati 2,70 mt)allora le caratteristiche delle stufe corrispondono al vero.
    Per un acquisto corretto considera i mt cubi della tua casa e compra una stufa che ne possa scaldare un pò di più (sovradimensionata).
    Orientati poi su marche con esperienza pluridecennale (palazzetti, piazzetta, edilkamin, termorossi, ect) evita marche sconosciute senza assistenza diretta sul territorio.
    Ciao

  4. alessiorg scrive:

    ciao cancamilin,
    non sono convinto sul fatto che l’abete riscaldi e sporchi di più rispetto al faggio.
    secondo me scalda di più il faggio..(anche se non saprei farti un esempio di prodotto perché sono tutti dei mix), e l’abete è più pulito.
    p.s. io cerco di consigliare sempre abete

  5. sa varia scrive:

    Prendi una Ecotherm 7000 (thermorossi) carlotta … e vai sul sicuro—- : – )

  6. cancamilin scrive:

    X il buon Alessio
    non ho detto che l’abete sporca, se la stufa ha una buona combustione (canna fatta bene e taratura proporzionata)raggiunge temperature alte in camera di combustione e non lascia residui eccessivi.

    L’importante che il pellet sia di LEGNO ben asciutto, se poi ha buona resa calorica meglio ancora.

    Ciao

  7. leone77 scrive:

    Ciao ho appena acquistato una stufa a pellet Ecoteck…qualcuno la conosce è una buona macchina? datemi risposte positive o mi psro visto che l’ho pagata 3000 euro

  8. cancamilin scrive:

    Le Ecoteck anche se poverine in elettronica sono belle solide e scaldano…
    non psro, mi raccomando
    ciao

  9. christian scrive:

    ciao sono un tecnico di una nota marca di stufe a pellet e credetemi di problemi di incombustioni, mancate accensioni, vetri sporchi ,ne vedo almeno 10 al giorno.
    il miglior pellet è il faggio e se volete posso darvi consigli ciao

  10. marco scrive:

    volevo chiederti , e’ normale che la mia stufa una iris plus edilkamin potenza 8.5 scaldi di meno di una palazzetti con potenza 5,5?.avevo problemi di conbustione il tecnico per telefono mi ha fatto cambiare dei parametri,da quel giorno non ho avuto + problemi di combustione, ma adesso mi sembra che la stufa scaldi molto meno e’ possibile? ciao grazie in anticipo

  11. cancamilin scrive:

    x marco
    la iris plus controlla la temperatura dei fumi per ottimizzare la combustione ed evitare spreco di pellet…
    Se vuoi che scaldi un pò di più devi farti aumentare dal cat la temperatura di riferimento opp. fatti disattivare il firecontrol

    CIAO

  12. christian scrive:

    risposte non plausibili,sappiate che ogni impianto è a sè quindi in una utenza potrei regolare la ventola asp fumi ad un altra potenza mentre in un altra farei il contrario

  13. marco scrive:

    ma come si fa ad entrare a regolare quei valori senza un manuale?grazie

  14. Luigi scrive:

    Ciao ho una idrofox la coclea non sia aziona all’accenzione anche se funziona perche se accendo nel cruogiolo un pezzettino di carta dopo pochi istanti rileva i fumi e la coclea fa scender il pellet.Come posso risolvere questo problema?Io hop un’appartamento di circa 140 mq come mai la mia idrofox impega circa un paio di ore per riscaldare i tyerosifoni e normale? I termosifoni sono di acciao.

  15. christian scrive:

    nessuno oltre il cat può entrare nei parametri della stufa senza un manuale e chi ci ha prov,è finito con il chiamarmi avendo la stufa in gar e pagando tutto l intervento inckuso la nuova sheda elett perchè neanche la casa madre ha saputo darmi dritte a riguardo

  16. christian scrive:

    Luigi dovrei essere lì per darti consigli ma quello che posso dirti e di leggere accuratamente le istr della stufa e fare un calcolo termotecnico della potenza kch che essa riesce ad emanare

  17. christian scrive:

    ps Luigi controlla l uscita dello scarico fumi non sia intasata vedi antivolatili,controlla la continuità della candelletta/e e il tubo pressostato ammesso che c è l abbia

  18. Luigi scrive:

    dcome posso aumentare la ventola della idrofox?

  19. Max scrive:

    come posso aumentare la ventola della idrofox?

  20. christian scrive:

    ripeto non conosco la marca anche perchè io ne assisto solo 2 e dovresti sentire il tuo cat se ti da la poo di farlo

  21. christian scrive:

    la possibilità di farlo……..(LUIGI)

  22. cancamilin scrive:

    x christian
    non è una colpa non conoscere le edilkamin

    x marco
    come ti è stato detto anche in altri blog, se in una idrofox si blocca la caduta del pellet (e il vetro è molto sporco…) significa che hai o la canna o più probabilmente la stufa intasata di cenere…
    Armati di scovolino e aspirapolvere

    CIAO

  23. Alessandro scrive:

    salve a tutti,
    qualcuno potrebbe darmi un parere sulle stufe Nordica-Extraflame?
    sto x acquistare una stufa a pellet e mi sto districando tra le varie marche

  24. cancamilin scrive:

    Sono stufe discrete, come tutte le marche con almeno 10 anni di vita
    Ciao

  25. massimo scrive:

    salve ho una idrofox dellae edilkamin il pellet che uso dopo un po di ore forma una cenere mix con pellet incombusto ,e annerisce il vetro pensavo sew se aumentasse la ventola potrei aumentare la combustione no?come faccio a aumentare la ventola della mia idrofox?se qualcuno mi puo’ aiutare a conoscere come programmare una idrofox mi aiuterebbe molto visto che ogni qual volta chiamo i cat meno 100 euro anche per una fesseria di 5 minuti non mi chiedono…Ringrazo anticipatamente

  26. christian scrive:

    SAPPI CHE LE SPESE DEL CAT SONO SU 100 CHE TI PRENDONO , RIMANGONO PULITI SI E NO 40,

  27. christian scrive:

    NON PUNTIAMO PIù IL DITO SU TUTTI I TIPI DI CAT, VISTO CHE LORO HANNO SPESE DI GESTIONE ENORMI

  28. massimo scrive:

    Forse hai ragione io sono un artigiano edile e quando lavoro in economia (solo mandopera) a me le ditte piu di 18- 20 euro ora non mi danno e ci devo pagare le tasse!Fai un po di conti e vedi se per 5 minuti 100 euro contro i 18-20 dei miei e ti assicuro che le tasse sono tasse per tutti!

  29. cancamilin scrive:

    x christian
    se invece prendi 40 euri in nero ti prendono per ladro…

    CIAO

  30. christian scrive:

    il governo ci sta ammazzando e chi ne risente il peso e la classe più vasta…..L OPERAIO

  31. Roberto scrive:

    parlando dei tipi di pellet, vorrei fare delle puntualizzazioni.

    i pellet chiari fatti con legni resinosi (abete, tendenzialmente) in realtà dovrebbero avere un potere calorifico inferiore a quello del faggio.
    tali legni pero’ contengono meno “lignina” e quindi legano meno, per questo motivo molti produttori aggiungono dei collanti naturali (es. mais – che alza il potere calorifico e rende il pellet giallognolo) o non naturali.
    il faggio ha ceneri piu’ basse e, essendo legno duro, una combustione piu’ lenta e lunga.
    traducendo in parole povere: il pellet chiaro, se addizionato di mais scalda di piu’ ma brucia piu’ velocemente. il pellet di faggio scalda più del solo abete (senza mais) e brucia piu’ a lungo (quindi si consumano meno sacchi nello stesso tempo).
    i pellet fatti con legno di conifere vanno poi trattati per eliminare la resina che altrimenti sporcherebbe/rovinerebbe la stufa; non tutti i produttori lo fanno o lo fanno bene.
    in definitiva quindi per il consumatore sarebbe meglio utilizzare pellet di faggio.

    non ho ancora capito come mai invece i produttori di stufe si ostinino a preferire i pellet chiari (forse per questioni commerciali di approvvigionamento o per la convinzione che alla clientela piaccia di piu’ il pellet chiaro che fa ceneri piu’ chiare).

    quanto all’onesta’ dei produttori, è vero che esiste chi trita un po’ di tutto, dai mobili alla legna raccolta dai campi (e quindi con terra e sporcizie varie).

    io conosco pero’ due produttori, entrambi italiani (uno in friuli -prov. UD- e uno, nuovo, in Veneto -prov. TV) che lavorano il faggio da legno vergine (= da segature o da tronchi, non da scarti o recicli di altre lavorazioni).
    ovviamente credo lo mixino ad una minima parte di abete, altrimenti si otterrebbe un prodotto troppo secco di difficile lavorazione.
    entrambi hanno un prezzo piu’ alto rispetto ai minimi di mercato, pero’ se noi consumatori continuiamo a pretendere di acquistare i pellet a prezzi da svendita e ci lamentiamo per un decimo di euro a sacco, non possiamo lamentarci se i produttori invece che faggio nel sacco ci mettono monnezza!!
    la materia prima buona, trattata bene, costa! quindi se il prodotto finale è troppo economico, sicuramente non è fatto al massimo della qualità (parere personale)

    saluti….
    R

  32. Cosimo scrive:

    Devo comprare un inserto a pellet della edilkamin modello pellbox SCF per riscaldare un appartamento mansardato di 70 mq. Ho il timore che le ventole per il tiraggio forzato e per il convogliamento dell’aria calda facciano rumore con il passare del tempo. Qualcuno sa dirmi qualcosa in merito o più in generale sul modello di inserto?

  33. Massimo scrive:

    x Cristian ,questo governo ci sta facendo diventare poveri giorno dopo giorno , la vita e’ sempre piu’ cara…..

  34. christian scrive:

    PER MASSIMO:
    a chi lo dici, sarà che prima o poi verrà una rivoluzione

  35. cancamilin scrive:

    x cosimo
    il pellbox scf è una bomba ed è bello esteticamente.
    la “canalizzazione” viene chiamata così erroneamente, perchè in realtà è il recupero del calore dell’inizio della canna e del calore interno alla parte elettrica, calore che altrimenti andrebbe perso ma che è solo un 10%del totale, il calore principale è dai ventilatori tangenziali posti sotto la macchina.
    il rumore dei ventilatori con la stufa a mezza potenza è poco, ma dovresti sentirlo dal vivo per valutare.

    ciao

  36. giasty scrive:

    Chi mi puo aiutare devo comprare una stufa che si collega hai riscaldamenti ,Che marca comprare e che non mi dia problemi per riscaldare un appartamento di circa 100 mq . premessa la casa e tutta coibentata.

  37. piero scrive:

    X giasty
    Io ho comprato una stufa a Pellets Hydro e mi trovo benissimo, tra l’altro posso usare anche altro materiale per la combustione, come nocciolino, mais,e altro. Ho collegato la stufa al riscaldamento della casa e riscaldo un appartamento di circa 120 mq a costi veramente bassi. Per info : mpierang@aliceposta.it

  38. Marcello scrive:

    Ciao Piero,
    Ciao a tutti i bloggers,
    vorrei delle informazioni riguardo la stufa a pellets che hai montato. Sono interessato a comperarne una che può bruciare anche qualche altro materiale (come mais, nocciolino, ect). Hai qualche consiglio da darmi?

    Grazie
    Marcello

  39. Alberto scrive:

    Ciao a tutti,

    sono un fortunato possessore di una Thermorossi Ecotherm 6.000 da ormai 5 anni.

    x Roberto: mi interesserebbe sapere il nome di questi due produttori di pellet ” (uno in friuli -prov. UD- e uno, nuovo, in Veneto -prov. TV) ” se possibile.

    Grazie mille e che la fiamma sia con voi :-)

  40. Pinguin scrive:

    Ciao a tutti,volevo fare una domanda,chi mi sa spiegare di voi il “vero” (e dico vero..) risparmio nell’aquistare una stufa pellet rispetto ai normali termosifoni di casa???(si intende avendo già l’impianto.)In media una stufa base costa 1400/1600 euro,un pacco di pellet buono da 15 kg sfiora i 6 euro al pacco e tenendo la stufa accesa 10 ore al giorno se ne consuma almeno uno e mezzo per un costo di 9 euro giornaliero che per 30 fa 270 e per 6 che sono i mesi di utilizzo da ottobre a marzo fa 1620 euro circa a stagione(piu la manutenzione della stufa,i vari guai col centro assistenza(se funziona oppure no..e altri inconvenienti..)un appartamento di 100metri circa per riscaldarlo coi termosifoni 10 ore si spende di bolletta annua tra le 800e1000 euro(e mi sono tenuto largo) e in piu acqua calda per la doccia e piano cottura senza pensare che ho una fonte di calore per stanza a differenza della unica stufa…è solo un’innocente domanda non è polemica…ringrazio a tutti in anticipo per il tempo dedicato a rispondermi grazie!!!

  41. Anna scrive:

    Abbiamo acquistato una stufa a pellet per la montagna (1000 metri di altitudine) e un abbondante quantitativo di combustibile. L’abbiamo provata un paio di volte all’acquisto, poi l’abbiamo usata tre giorni a novembre; alcuni problemi emersi sono stati risolti dal tecnico: impostazioni particolari per adeguamento all’aria, al freddo….(?!?!) All’inizio di gennaio siamo stati in montagna alcuni giorni; dal secondo giorno la stufa ha iniziato a produrre strani rumori, molto forti, come se qualcosa provocasse attrito nel meccanismo; nella cenere abbiamo trovato piccoli frantumi di pietre. Abbiamo chiamato il tecnico, ma in sua presenza la stufa non ha fatto rumore; basandosi sul nostro resoconto il tecnico ha ipotizzato che il pellet avesse preso umidità (fatto improbabile) e alla vista delle pietruzze ha detto che si tratta di pellet cristallizzato. A suo dire non gli è mai stato riferito un inconveniente come quello da noi dichiarato. Qualcuno potrebbe “illuminarci”?

  42. cancamilin scrive:

    Per marcello
    se vuoi notizie sul nocciolino qui c’è una discussione
    http://stufapellet.forumcommunity.net/?t=11902684
    ti sconsiglio invece il mais, non è più conveniente
    CIAO

  43. Andrej scrive:

    Offerta per wood – pellets.Diametro: – 8 мм
    FCA = 160 Euro/ tonnellate.EXW= 125Euro/ tonnellate.
    Condizioni di spedizione: FCA-Kiev. FCA – Ivano-Frankovsk….siamo produttori…..per i prezzi possiamo discutere… E-mail: andrea@ukr.net , barkras@libero.it
    Skype: barkras

  44. Sergio scrive:

    Saluti!
    La nostra ditta venda pellet di abete, 6 mm confezionato in sacchi 15 kg, prezzo 97 EUR/ to, EXW kiev Ucraina., DDU – Italia – 145 EUR/to. E anche il pellets a sacchi(700-1000 kg), prezzo DDU Italia – 132-135 EUR/to(Verona, Brescia….)
    Per altro posti, precisate, per piacere.
    Pagamento al carico. disponibile 400-500 to / mese. Prezzo valido sino al 30 Marzo 2008.
    e-mail: askodoo@yahoo.com
    Fax +38659924060
    Tel +38631826833
    skype: askodoo

  45. piero scrive:

    x Marcello- Si la stufa che ho comperato brucia anche altro materiale tipo: gusci di noci e noccoline- nocciolino di sanza- mais ecc. Il mais lo sconsiglio in quanto non e molto economico ma i gusci di noccioline si . Attualmente lo acquisto a 20 Euro a q.le certamente è piu conveniente del pellets. la mia e-mail mpierang@aliceposta.it

  46. cancamilin scrive:

    20 euro al q.le???
    In Sardegna costa esattamente la metà

  47. MARKO scrive:

    cerchiamo pellet x la sardegna,a buon prezzo o collaborazione x qualche azienda seria…..3463167799 marko.

  48. Roberto scrive:

    x alberto: scusa il ritardo ma non passo spesso..
    i due produttori a cui facevo riferimento sono:
    - SITTA srl, Friuli Venezia Giulia, UD, S.Giovanni al Natisone (non ho trovato il loro sito internet ma credo che spendendo due minuti su google ci si arrivi)..
    - ENERGY PELLETS srl di Riese Pio X, TV
    questi secondi sono piu’ recenti. hanno un sito http://www.amoke.it che è in costruzione (ma indica i recapiti).
    li conosco perche’ passo davanti al loro stabilimento e hanno il piazzale perennemente pieno di tonnellate di tronchi.

    se occorrono maggiori info provo a cercare…

  49. RIKORAMBO scrive:

    Salve a tutti! Ho visitato per la prima volta questo blog e sono rimasto veramente stupito, e interessantissimo leggerVi. Oggi mi piazzano la stufa a pellets ma non ho la minima idea se ho fatto un buon aquisto o no ( non pensavo ci fosse una cultura del genere sull’argomento! ).Visto che ci sono, qualcuno mi può dire se ho comprato una ciofeca??Ho preso una SIDEROS GEMINI 7 kw trasformabile ad 11KW, l’ambiente è di circa 80m con la modifica a 11kw e piazzata ho speso 1650 euro

  50. Riccardo scrive:

    “Eco Pellet” pellet chiaro di elevata qualità (faggio 30% rovere 20% e abete 50%) a 3,50 € al sacco da 15 kg negli stabilimenti di Ecopellet a Perugia. Consegne in tutta italia senza ordine minimo. Chiaramente occorre valutare l’incidenza del costo del trasporto ma per ovviare a questo eventuale problema basta organizzare dei gruppi d’acquisto…il prezzo scende molto se si viaggia a pieno carico (fino a 240q).
    Inoltre, Ecopellet sta cercando di creare una rete di distributori in esclusiva su tutto il territorio nazionale, offrendo a questi tutta una serie di servizi aggiuntivi…a breve sul sito tutte le informazioni necessarie.

  51. christian scrive:

    PER PINGUIN ,,,,,,,mi sembra di conoscerti sbaglio???? 6666666666 marchigiano?

  52. marcello scrive:

    Salve a tutti.
    Volevo chiedere cosa può essere successo alla mia iris plus che improvvisamente si è messa a rilasciare saltuariamente odore di fumo.
    premetto che è nuova 3 mesi di vita e la pulisco regolarmente bracere e dindorni ( non la smonto )ed il pellett è sempre lo stesso, i tubi sono puliti e ben chiusi.
    grazie e un saluto a tutti
    Marcello

  53. marcello scrive:

    ciao ho una stufa a pellets di marca mcz modello polar versione multiair e da un pò di tempo mi sono accorto che dalla griglia dove esce l’aria calda vi esce anche polvere di fuliggine.Mia moglie ne trova abbastaza sui mobili e su tutti gli arredi. Ho posizionato una garza bianca davanti alla griglia da dove esce l’aria calda e dopo alcune ore si è annerita. Come é possibile che invece di solo aria, esce anche fuliggine.

  54. marcello scrive:

    ciao ho una stufa a pellets di marca mcz modello polar versione multiair e da un pò di tempo mi sono accorto che dalla griglia dove esce l’aria calda vi esce anche polvere di fuliggine.Mia moglie ne trova abbastaza sui mobili e su tutti gli arredi. Ho posizionato una garza bianca davanti alla griglia da dove esce l’aria calda e dopo alcune ore si è annerita. Come é possibile che invece di solo aria, esce anche fuliggine?

  55. mode scrive:

    chi puo darmi indicazioni sul funzionamento della stuffa ydro della clam modello niagara a pellet da affiancare all’attuale inpianto grazie ragazzi

  56. cancamilin scrive:

    A tutti i Marcello esce fumo dalla stufa???

    le cause possibili sono 3:
    - la stufa deve finire il rodaggio, l’asciugatura e capita se raggiunge nuovi picchi di temperatura che rilasci odore (ad es.: se il pellet è migliore)

    - la stufa ha bisogno di una bella manutenzione annuale, i ventilatori sono impastati di polvere, pelucchi, lanuggine, i famosi “riccioli di polvere” di Stephen king

    - la stufa perde o pellet dal serbatoio, o cenere da qualche ispezione mal chiusa

    CIAO

  57. parlanti roberto scrive:

    per anna pellets cristallizzato .

    da che mondo e mondo il pellets non cristallizza se mai puo essere semplicemente sporco o con della ghiaia all’interno provate a controllare qualche sacco forze saltera’ fuori cosa oltre al pellets tentate di far brucia alla stufa il rumore presumo sia stato dato dalla coclea che con attrito frantumava i sassi. presumo..
    se poi non ha piu fatto piu rumore e la stufa sta funzionando ne sono quasi certo.
    che pellets sta utilizzando e’ certificato o di marca anonima.?? parlantir@ibero.it

  58. parlanti roberto scrive:

    x roberto non condivido a pieno l’uso del pellets di faggio per quanto piu performante esso sia non puo costare sempre tra il 15/20%o addirittura il 25% in piu degli altri legni di abete non esistono differenze di potenza simili in natura di legno in kg/cal, pertanto questo dovrebbe fare riflettere io sono contro gli austriaci che qualche anno orsono ci hanno fatto penare il loro pellets ma aime’ sono loro che fanno l’ago della bilancia sul mercato.
    poi ti posso dire che in passato anche i vari produttori italiani si sono approfittati della situazione diventando preziosi e inaccessibili vedi progetto fuoco di1,5 anni fa ora come era prevedibile e come spesso succede sul mercato tutto si ribalta e il coltello dalla parte del manico lo hanno gli utilizzatori eo i distributori.
    basta x oggi ho detto troppe cose rischio il linciaggio da parte di qualche personaggio. ma come vedete io mi firmo nome e cognome e se volete ho anche una mail.
    parlantir@libero.it.
    un saluto

  59. tiziano scrive:

    Per pikorambo.
    Come funziona la stufa della sideros gemini?
    Ciao

  60. erik scrive:

    PER PIKORAMBO la gemini è una gran cagata!!!!!!!soldi spesi molto male!!!

  61. franco scrive:

    Ho appena acquistato una stufa della Eurofiamma (Furbetta).Può bruciare pellets e legna,in un unica camera di combustione.Essa produce acqua calda x termosifoni e sanitari,cosa nè pensate?

  62. mikk scrive:

    oh nessuno che abbia risposto a Pinguin …… ma sto ‘ pellet che .cavolo di convenienza ha ? tutto sto’ sbatti …x cosa ?
    va beh sara’ di moda pure il pellet ….. ciao Pinguin :)

  63. parlanti roberto scrive:

    X MIKK CON COSA VORRESTI SCALDARTI IN QUESTO MOMENTO CHE IL GAS STA ANDANDO ALLE STELLE GPL COMPRESO GASOLIO E’ INACCESSIBILE???? DICCI TU SE IL 50% ALMENO DI RISPARMIO ORA NON E’ POCO NON HO LETTO COSA HA SCRITTO PINGUIN MA UNO CHE SI CHIAMA PINGUIN SICURAMENTE SENTE FREDDO.
    SCUSATE LA BATTUTA ERA LECITA!!!!!!!!!!!!!!

  64. Stefano scrive:

    Ciao a tutti,sto ristrutturando casa ed ho intenzione di mettere un termocamino ecofire da inserimento acqua Palazzetti a pellets abbinato ad una caldaia a gas per l’acqua sanitaria.Il mio alloggio e’ di 80 m2 ed il rivenditore mi ha detto che acquistando adesso i pellets riesco a spendere sui 350 euro totali per il riscaldamento per l’anno prossimo.Cosa ne pensate e’ possibile secondo voi?

  65. parlanti roberto scrive:

    x stefano se il tecnico ha valutato la tua casa potrebbe essere anche possibile dipende dalle temperature che vorrai in casa metti se ne hai la possibilita’ un sistema a pavimento con un sistema di miscelazione miscelerai l’acqua calda del termocamino con acqua piu fredda circa 32 gradi la temperatura di lavoro contro i 70 medi dei termosifoni cosi’ forze riuscirai a riscaldarti sicuramente con quella cifra altrimenti ho dei seri dubbi. anche se i pellets sono gia’ aldisotto dei 3 euro ne serviranno almeno 2 bancali o 2 bancali e 1/2 per riscaldare una casa questo e’ ilo minimo secondo me poi va vista la casa potrei dirti quindi secondo me la cifra sara circa 550 euro

  66. parlanti roberto scrive:

    ho la sensazione che alcuni rivenditori il riferimento e’ causuale siano molto ottimisti, non diciamo delle fesserie ai nostri clienti e’ un consiglio prima o poi questo vi si ritorcera’ contro.
    il risparmio del pellets c’e’ e’ evidente ma non illudiamo la gente.scusate ma era doveroso.

  67. ALESSIA scrive:

    vorrei acquistare una stufa a pellet della marca SIDEROS GEMINI DA 7-11 KW chi mi puo dare un consiglio è un prodotto valido?? devo riscaldare un appartamento di circa 50 mq freddo al primo piano.

  68. PARLANTI ROBERTO scrive:

    non conoscendo moltissimo il prodotto sideros ti posso solo dire che ‘ degli ultimi entrati nel pellets ma con questo puo essere valida lo stesso se hai piu piani fatti dare una canalizzabile o una termostufa che mandi i termosifoni, la potenza di 11 k watt e’ molta ma se gestita male non avrai nessun vantaggio per intendersi se la casa ha molte divisioni e la stufa non puo spostare calore tramite dei convogliatori o bocchette potrai utilizzare solo la potenza nella stanza in cui la metti oppure dovrai trovare un punto strategico fatti consigliare da chi la istalla sappi che se non hai un punto strategico avrai gli stessi risultati di ina normale stufa a legna o di qualsiasi altro genere,l’istallazione va pianificata da un tecnico fagli delle domande specifiche del tipo questa stanza riusciro’ a riscaldarla ,quest’altra e cosi via in maniera di farti dare delle garanzie sulla riuscita dell’istallazione sappi che ora la legge e’ dalla parte di chi acquista un risultato completamente diverso da quello dichiarato prevede se c’e’ un contenzioso il rimborso o la sostituzione del prodotto.certo deve essere tutto dimostrato e per iscritto,
    non vorrei essere un avvocato ma e’ giusto che chi vende si assuma le sue responsabilita’.
    ono!!!!!!!!!!
    ciao comunque la ditta e’ seria la conosco da 20 anni il sign. marco chelli e’ il titolare se non erro.

  69. gino scrive:

    salve sarei interessato all’ acquisto di una termostufa a pellet
    avrei bisogno di informazioni riguardo il collegamento all’ impianto dei termosifoni e se ne vale la pena ,esistono modelli silenziosi? grazie mille

  70. parlanti roberto scrive:

    certo gino ,ne vale la pena in quel caso sono tutte piu silinziose perche’ non hanno dispositivi di ventilazione e quindi si sente solo la fiamma e poco piu.
    io ritengo sia il miglior sistema ogii come oggi per poter riscaldare casa oppure la caldaia a pellets.
    dimmi che casa hai potro consigliarti qualche modello , dimmi se vuoi o non vuoi vedere la fiamma e se vuoi la stufa in casa o preferisci utilizzarla tutto l’anno per fare anche acqua calda.
    a presto.

  71. Daniela scrive:

    ciao. Anche io come Marcello ho una stufa MCZ con lo stesso problema e cioè dalla bocchetta dell’aria esce anche fuliggine. Questo è un problema che aveva sin da nuova (quindi non credo fosse dovuto a una cattiva pulizia) e adesso neanche il tecnico sa darsi una spiegazione. Purtroppo non è più in garanzia, così non so proprio come risolvere il problema. Se qualcuno fosse riuscito a risolvere lo stesso inconveniente, potrebbe farmi sapere come ha fatto? Grazie.

  72. cancamilin scrive:

    x daniela
    verifica che non ci sia perdita
    nell’attacco dei tubi
    ed evita di far cadere cenere sotto la stufa…
    L’hai mai spostata per pulirla sotto?

    ciao

  73. francesco-b scrive:

    CERCO PELLET BINDER, GERMAN PELLET o altro, possibilmente austriaco certificato din plus di buona qualità. 1 bilico consegnato in provincia di Milano. Ordino subito al primo che offre prezzo veramente conveniente.
    INOLTRE PRODUCO IN PROPRIA FALEGANAMERIA BRICCHETTI IN PURO LEGNO VERGINE (solo faggio, frassino e noce) di ottima qualità a buon prezzo, no polveroso, solo grana grossa derivata dalla macinatura e raffinatura di legno essiccato, misto truciolo. Disponibile a inviare campioni gratuiti e a qualsiasi controllo dei bricchetti anche in mia fabbrica.
    I bricchetti sono stoccati in europallet in 36 scatole di cartone non marchiate di kg17.5 l’una. Il bancale intero viene calcolato in 6 quintali.
    A chiunque sia disponibile ad uno scambio con pellet sopracitati propongo affare veramente conveniente.

  74. parlanti roberto scrive:

    x froancesco b se vuoi posso darti il sito giusto vedi sercom su internet e troverai la tua fornitura non mi ricordo ma domani se mi mandi una mail posso darti l’indirizzo di chi potra’ farti la fornitura del tir di pellets.
    per i tronchetti in zona ne trovo tantissimi e a basso costo 13 euro a ql di puro faggio
    saluti parlantir@ibero.it

  75. Daniela scrive:

    Ciao. Per quanto riguarda il problema della mia MCZ: la puliamo sempre bene togliendo anche le pareti laterali e due volte all’anno la spostiamo per pulirla anche sotto. Abbiamo anche controllato l’attacco dei tubi, ma non abbiamo riscontrato nessuna perdita. L’unico posto dove lo straccio si sporca di fuliggine è passandolo sulle fessure della camera stagna. Potrebbe essere difettosa?
    Inoltre il tubo della presa d’aria è interno. Spostandoo esternamente si potrebbe risolvere il problema?
    Grazie per la disponibilità.

  76. cancamilin scrive:

    x daniela
    la presa d’aria dovrebbe solo aspirare aria verso la fiamma… é capitato qualche scoppio con fuoriuscite di fumo?

    Avete mai pulito i ventilatori??

    ciao

  77. Daniela scrive:

    Una volta c’è stato uno scoppio con fuoriuscita di fumo (il crogiolo era pieno di pellet, ma non me ne sono accorta e prima che andasse in allarme ho rifatto l’accensione… che botto!!!!).
    I ventilatori li abbiamo sempre puliti, soprattutto quello sotto la camera stagna, per poterlo pulire bene lo smontiamo.
    Grazie ancora per l’interessamento.

  78. PARLANTI ROBERTO scrive:

    QUELLO CHE E’ CAPITATO A DANIELA IN GERGO E’ UNA RETROACCENZIONE PELLETS ACCUMULATO SUL BRACERE CHE BRUCIA O NON BRUCIA INNESCA UNO SCOPPIO CHE A VOLTE PROVOCA DEL FUMO E IN REMOTI CASI ANCHE L’ESPLOSIONE DEL VETRO ALCUNE STUFE HANNO DEI FLAPP LATERALI DOVE QUESTA ANOMALIA SFOGA IN UN PO DI FUMO UNA PICCOLA DEFLAGRAZIONE E TANTA PAURA. POTREBBE ESSERE ANCHE IL MOTIVO DELLA FULIGGINE CHE VA IN GIRO PER LA STUFA ALL’INTERNO AMMESSO CHE MCZ ABBIA QUESTI DISPOSITIVI ANTISCOPPIO.
    VERIFICATE PERCHE MCZ NON LA CONOSCO MA POTREBBE ESSERE
    CIAO CANCAMILLIN E’ TANTO TEMPO CHE NON VENGO SUL BLOG ORA 9 GIORNI FERIE NON ME LE TOGLIE NESSUNO .

  79. mirko-b scrive:

    se a qualcuno interessa una fornitua di buon pellets di abete anche solo qualche bancale, puo’ contattare anche me. la mia ditta si chiama BORDIGNON GIUSEPPE E C. S.A.S. e’ in provincia di treviso. tel 0423/620261 fax 0423/879989 produciamo pellets di solo abete di legno vergine da tronco…a risentirci.

  80. Carlo scrive:

    ciao, volevo chiedervi un consiglio sulla qualità dei pellets ecoflame. Qualcuno li conosce?Vi ringrazio

  81. cancamilin scrive:

    x daniela
    se non si trovano motivi esterni
    potrebbe essere bucato uno dei tubi scambiatori…

    Dimenticavo:
    avete la presa d’aria esterna?

  82. Daniela scrive:

    ciao. La mia stufa non possiede tubi scambiatori, ma una “piastra” (così dice mio marito) e la presa d’aria è interna.
    Quest’estate abbiamo intenzione di smontare completamente la stufa e mettere la presa d’aria esterna. Se riusciremo a risolvere il problema, vi farò sapere (mi sembra una battaglia già persa!).
    P.S.: la perdita di fuliggine avveniva già prima del “botto”.

  83. cancamilin scrive:

    Tubi scambiatori o scambiatore di altro tipo non importa, lì potrebbe esserci un foro o una cattiva saldatura…

    Ma non è da sottovalutare la presa d’aria esterna, cioè, per capirci, un foro da almeno 100 mm che permetta l’ossigenazione della stanza dove c’è la stufa.
    Se manca e la stanza è piccola o “sigillata” una cattiva combustione potrebbe aiutare la fuoriuscita di cattivi odori

  84. vin62 scrive:

    ciao
    ho appena aquistato una ecoteck hydro…
    cerco del buon pellet
    1 bancale almeno zona aereoporto malpensa
    grazie

  85. picosmart scrive:

    salve sarei interessato ad una fornitura di pellet palazzetti.abito nella provincia di napoli,potrete consigliarmi un rivenditore conveniente se ne conoscete uno?

  86. osvaldo scrive:

    ho comprato una idrofox su ebai nel scaricarla è caduta cosa drovrei controllare quale parte è piu delicato e quali inconvenienti ha questo tipo di stufa

  87. cancamilin scrive:

    fattela controllare dal cat della tua zona
    potrebbero esserci fili staccati o perdite d’acqua….

  88. Ugo scrive:

    Salve a tutti,
    sono in procinto di acquistare una stufa a pellet in sostituzione di un camino mai utilizzato e per abbatere i consumi del gpl.
    Vivo a Campobasso, quindi rigide temperature in una villetta singola. Devo riscaldare circa 550 mc su 2 livelli, e più di qualche rivenditore mi ha consigliato la stufa della CLAM.
    Non ne capisco molto e vi chiedevo, è un prodotto valido ????
    Il modello e la Niagara.
    Con quella potenza, cioè oltre 25kw non c’è molta scelta.
    Ogni vostro consiglio in merito sarà sicuramente ben accetto.

    Grazie mille !!!!!!!!!!

  89. lucky scrive:

    sto pensando di comperare una stufa a pellet che possa riscaldare 75 mq soggiorno 2 camere bagno e ingresso, ho visto il modello francesca della Ecoteck sul sito non è riportata la potenza ma il rivenditore dopo aver visto l’ alloggio mi ha detto che sarebbe adatta (€ 1600). Inoltre ho visto il modello ecologica della extraflame usata ( per 2 stagioni ) con potenza effettiva 10 Kw (€ 1300) qualcuno ha le per caso avute ? e più in generale sono stufe valide ?

  90. parlanti roberto scrive:

    x ugo ti consiglio il modello h20 34 thermorossi o la relativa gemalla da locale tecnico
    utilizza anche una valvola di reintegro calore se l’impianto come sembra e’ molto grande
    se possibile dividi a zone l’impianto avrai un gran risultato.
    ciao

  91. nico scrive:

    sto comprando una stufa ventiala a pellet che marca mi consigliate la clam o thermorossi??? grazie

  92. parlantir roberto scrive:

    io mi fiderei piu di thermorossi ha piu esperienza anche se clam fa dei buoni prodotti se la vuoi piccola prova a vedere la nuova 1000 un giogliellino. ciao.
    e’ un opinione personale non me ne vogliano quelli della clam

  93. cancamilin scrive:

    Guarda anche edilkamin, italiana camini, ecoteck, anselmo cola, palazzetti, royal, arce, bestfire, laminox….

    ;-)

  94. claudio scrive:

    io ho trovato del pellet austriaco binder a 3.25 da zerbetto.it potere calorico 5,25 ceneri 0,16 legno vergine di abete e a sentire i vari rivenditori e blog dovrebbe essere il migliore se la battono il pfaifer e il binder oviamente ne ho preso 5 pancali volevo sapere se qualcuno interessava fare gruppo per potere prenderne un billico intero per poi dividerlo un billico sono 22 pancali cosi facendo si abbatono molto i costi provincia di genova

  95. Tommaso scrive:

    Salve sto cercando per un mio cliente grossi quantitativi di pellet di faggio (fino a 20.000/25.000 tonnellate l’anno).
    C’è qualche produttore affidabile in grado di fornire queste quantità ad un prezzo competitivo?
    Ringrazio e saluto
    Tommaso 3473400981

  96. Andrea scrive:

    Salve a tutti dovrei comprare una stufa a pellet e sono orientato x una sideros gemini con trasformazione a 11kw ma ho visto dei post che non la consigliano sapete spiegarmi qualcosa?

    la sideros è famosa x la qualità delle stufe a legna possibile che si rovini il nome con una pellet di bassa qualità?

    pago la stufa 1400 euro nuova incluso 77 sacchi austriaci

    + 100 euro per la modifica e 100 per il crono termostato.

    grazie a tutti saluti

  97. Gabriel scrive:

    Ho una casa di 100mq e il riscaldamento col gas costa troppo.L’inverno scorso ho pagato più di 1500€ per la bolletta del gas.Vorrei comprarmi una stufa a pellet che mi riscaldi bene 100mq ma che non costi troppo.Cosa mi consigli?

  98. Domenico scrive:

    Ho una casa di circa 230 MQ. – 175 piano 1, 55 piano terra. (Altezza 1.75)

    Caldaia gasolio Belkin 35kw
    Riscaldamento a radiatori. (impianto anni 60, tubi in ferro).

    L’anno scorso ho installato panelli solari con serbatoio di 300L. (Da interfaciare con nuova caldaia)

    Visto il costo del gasolio sto considerando le sequente caldaie.

    1. Termorossi compact 32.

    2. D’alessandro Termomeccanica CS 40 o CSi 40 (non ho capito bene la differanza) – (Il tecnico ha sugerito che per il extra 200 euro e meglio la 40kw tarate a

  99. Domenico scrive:

    Ho una casa di circa 230 MQ. – 175 piano 1, 55 piano terra. (Altezza 2.75)
    Caldaia gasolio Belkin 35kw
    Riscaldamento a radiatori. (impianto anni 60, tubi in ferro).
    L’anno scorso ho installato panelli solari con serbatoio di 300L. (Da interfaciare con nuova caldaia)
    Visto il costo del gasolio sto considerando le sequente caldaie.
    1. Termorossi compact 32.
    2. D’alessandro Termomeccanica CS 40 o CSi 40 (non ho capito bene la differanza) – (Il tecnico ha sugerito che per il extra 200 euro e meglio la 40kw tarate a

  100. Domenico scrive:

    Ho una casa di circa 230 MQ. – 175 piano 1, 55 piano terra. (Altezza 2.75)
    Caldaia gasolio Belkin 35kw
    Riscaldamento a radiatori. (impianto anni 60, tubi in ferro).
    L’anno scorso ho installato panelli solari con serbatoio di 300L. (Da interfaciare con nuova caldaia)
    Visto il costo del gasolio sto considerando le sequente caldaie.
    1. Termorossi compact 32.
    2. D’alessandro Termomeccanica CS 40 o CSi 40 (non ho capito bene la differanza) – (Il tecnico ha sugerito che per il extra 200 euro e meglio la 40kw tarata a 35kw che la 30kw)
    3. Kalorina k2204-E 46Kw (La versione prcedente e solo 20kw… vera tarata a 35)
    *Nota: 40KW tarate a 35 (Sembra che è meglio aqustare la 40 kw)
    Domande:
    Quanti kw ho bisogno (la compact è abastanza potente)
    Non ho idea quale prendere,
    Vorrai capire i vantaggi/svantaggi…
    carricamento d sotto / sopra.
    Tipo di tecnologia (Mi sembra che d’alessando è nata come caldaia, compact 32 è nata come una stuffa)..
    ecc.

  101. Domenico scrive:

    Al administrator: Bug commenti. Nei precidenti commenti ho inserito il segno (meno di) .. volevo dire meno di 35kw al quel punto il commento è stato tagliato.. perfavore eliminare questo commento e i commenti non completi, grazie.

    meno di oposto di “>” piu di…

  102. cancamilin scrive:

    x andrea
    la gemini non è una brutta stufa, ha una elettronica molto semplice ma sembra solida.
    i dubbi vengono sulla marca perchè non fa prodotti nuovi e non esiste su internet come prodotti a pellet, quasi fosse mezzo fallita…
    Poi spesso si contesta che si venda una stufa a metà a buon prezzo, senza cronotermostato e depotenziata, per poter incassare 200,00 euro di “optional”.
    A sto punto mi compro una stufa da 1600 euro completa senza trucchetti!

  103. enzo bucciarelli scrive:

    dove e’ possibile trovare dei pellets ad un prezzo abordabile sono nella provincia di roma grazie

  104. Montalcino scrive:

    Ciao vorrei acquistare una stufa a pellet centrostanza dato che ho un soggiorno molto grande e alto. Ho già un riscaldamento a metano ma non basta e le bollette sono veramente alte potete consigliarmi una buona marca, anche esteticamente ben rifinita. Grazie

  105. paolamare scrive:

    Ciao a tutti abito in Liguria in casa indipendente di 200m al piano terra c’è sala di 70mt + cucina e sopra camere. Finora ci siamo scaldati con una caldaia a metano + termoconvettori riscaldando soprattutto la zona giorno con i seguenti orari : ore 6-9, ore13-15 , ore 18-22 .
    In inverno comunque la casa spesso è fredda (appena si spengono i convettori) specie il salone per cui avrei pensato di acquistare una Thermorossi Ecotherm 7000 e lasciarla accesa dal mattino alla sera ,secondo i miei calcoli anche al minimo dovrebbe assicurare tepore per tutta la zona giorno, praticamente andrebbe quasi a sostituire il metano.
    Alcuni venditori di stufe mi hanno invece consigliato di installare una caldaia a pellet (per esempio la Viessmann Vitolig300 ) assicurandomi minori costi e caldo a volontà , a parte l’elevato costo
    ( circa 7500euro + montaggio) secondo voi come stanno veramente le cose ?
    Avrei anche pensato di mettere nel salone una Thermorossi H2O da 34 kw collegandola all’impianto di riscaldamento.

    Ditemi voi io ho le idee molto confuse.

    Ringrazio tutti quelli che vorranno rispondere

    Ciao da Paola

  106. PARLANTI ROBERTO scrive:

    x paolamare io ritengo che h2o 34 sia la soluzione piu logica oppure compact 32 che e’ la stessa cosa da locale tecnico ma con recupero del 55% perche’ en 303-5
    la viessmann e’ ottima che che cosa ha di tanto di piu della thermorossi 32 oltre che un nome importante.
    allora anche termorossi ha una caldaia a condensazione rende il 101% e costa piu o meno come viessmann ma in certi ambiti per esempio questo descritto non e’ consigliabile.io opterei per un prodotto italiano gia supercollaudato come compact 32 thermorossi va come un treno.oppure se ti piace la stufa in casa la nuova 34 piu selenziosa e bella della pecedente verzione.
    un saluto

  107. PARLANTI ROBERTO scrive:

    una riflessioneamesso che viessman abbia un ottima resa volevo sottolineare il valore superiore al 92% di thermorossi che per qualita’ prezzo secondo me vince.
    costa circa 3700,3800 piu iva-55% se sostituisce la vecchia caldaia recuperabile in tre anni
    accetto una replica da parte di che vende viessmann ripeto ottimo prodotto ma troppo esclusivo
    le rese termiche parlano chiaro anche se aggiungiamo sonde lambda e quanto altro cose del quale io sono pienamente contrario per quanto riguarda l’affidabilita e la possibilita’ di gestione da parte di “normali” tecnici.
    piuttosto preoccupatevi di rifornirvi di pellets altrimenti tra poco saranno dolori!!!!!
    ve lo dice uno che di crisi finaziarie tipo quella del 1930 non ha ricordi ma del recente crack del pellets di tre anni fa li ha e molto vicini,vista la mia “esperienza” aspettatevi di tutto e di piu spero solo di sbagliarmi vedremo non vorrei fare del falso allarmismo gli autriaci montano ogni giorno il loro prezzo e lA RICHIESTA “SCIOCCA” DEL PELLETS IN QUESTO MOMENTO FA IL RESTO. POSSIBILE CHE NON AVETE CAPITO CHE IL PELLETS NON SI COMPRA QUANDO E’ FREDDO????
    QUESTO FARA’ SEMPRE ANDARE IL SISTEMA IN CRISI COSI COME L’ACQUISTO DELLE STUFE TUTTI ORA IO HO DEI CLIENTI MOLTO FURBI LA MAGGIO PARTE SEGUE SEMPRE I MIEI “CONSIGLI” COMPERA FUORI STAGIONE CI SI ACCORDA SUL PREZZO SULLA CONSEGNA SPESSO GRATUITA E SULLE MODALITA’ DI PAGAMENTO.
    CERTO NON E’ SEMPLICE MA SE MOLTI ADOTTASSERO QUESTA TECNICA NON CI RITROVEREBBE IN QUESTE CONDIZIONI TRA POCO SI INCHIODERANNO LE VENDITE SE IL PREZZO CONTINUA A SALIRE.
    SCUSATE IL PESSIMISMO MA E’ LA REALTA’ E’ IL QUADRO DI ORA.SALUTI.

  108. PARLANTI ROBERTO scrive:

    COSA PENSI CANCAMILLIN DI CIO?

  109. PARLANTI ROBERTO scrive:

    X DOMENICO D’ALESSANDRO CSI 40 HA UNA TECNICA DI ISTALLAZIONE CHE RICHIEDE UN LOCALE TECNICO APPOSITO LA 32 COMPACT NO PERCHE SOTTO 35 KWATT LA PRIMA HA 120 LT DI ACQUA LA SECONDA CIRCA 37-40 ALL’INTERNO E’ OVVIO CHE VANNO CALCOLATE MEGLIO LE CALORIE CHE OCCORRONO E DOVE ABITI ACHE LIV DAL MARE LA PRIMA NON AVRA’ PROBLEMI AD ADATTARSI ALL’IMPIANTO LA THERMOROSSI FORSE PUO FARCELA CON UNA SPECIFICA VALVOLA DI REINTEGRO CALORE PER EVITARE LE CONTINUE PENDULAZIONI CHE AVRAI CIOE’ LO SPENGERSI E L’ACCENDERSI DEL CIRCOLATORE O POMPA. REGOLATO DALLA FABBRICA A 61 GRADI O MEGLIO (PENDULAZIONE)
    LA PRIMA L’HO IN CASA IO PERCHE I MIEI APPARAMENTI SUNO PIU GRANDI DI QUELLO CHE TERMOROSSI AVREBBE POTUTO FARE.QUINDI HO SCARTATO THERMOROSSI . VANNO VALUTATE ATTENTAMENTE LE VARIANTI IN GIOCO.COME COSTI SIAMO LI UNA NON HA NE MINI VASO DI ESPANSIONE NE IL CIRCOLATORE D’ALESSANDRO MENTRE THERMOROSSI HA SU TUTTO DI SERIE POI BISOGNA VEDERE SE HAI PIU PIANI.AVRESTI BISOGNO DI UNO CHE COME ME VENDE ENTRAMBI,MAGARI NELLA TUA ZONA C’E’ CHIEDI ALLE CASE MADRI.COMUNQUE VADA OTTIMA SCELTA.
    KALORINA NON MI PIACE PER VENDERE FANNO ANCORA DELLE COSE STRANE TAROCCANO LE MACCHINE DEPOTENZIANDOLE PER ESEMPIO UNA 40 VIENE VENDUTA COME 30 E COSI VIA BISOGNEREBBE SPIEGARE A TUTTI CHE SIAMO IN ITALIA E LE REGOLE VANNO RISPETTATE.NON SI PUO DEPOTENSIARE UNA CALDAIA SE QUESTA NON ESCE GIA’ DALLA CASA CON QUELLA CONFORMITA’ALTRIMENTI FACCIAMO TUTTO QUELLO CHE VOGLIAMO ELA SICUREZZA VA A FARZI FRIGGERE,(CON IL PELLETS)

  110. marco scrive:

    ho acquistato una stufa pellet extraflame irina
    il vetro si sporca subito, in poche ore
    la canna fumaria e in acciaio con il finale antivento
    potete darmi dei consigli
    grazie marco

  111. PARLANTI ROBERTO scrive:

    da quello che dici sembra o regolata male poco ossigeno o troppo pellets o hai un pessimo pellets e’ un classico. delle stufe a pellets oppure e’ semplicemente sporca dimmi tu.
    il pellets ha un nome e una provenienza?
    brucia con una fiamma lenta?

  112. cancamilin scrive:

    x parlanti
    quanto hai ragione… Da noi il giorno che ha fatto un acquazzone ho ricevuto una cinquantina di chiamate per sopralluoghi, manutenzioni, installazioni e acquisto pellet!!
    Gli italiani sono così, aspettano sempre il giorno di scadenza per pagare le bollette alla posta…

    x marco
    oltre a sporcarsi il vetro hai accumulo di cenere nel crogiolo e fiamma rossastra?

  113. marco scrive:

    X ROBERTO
    I PELLET SONO DI FAGGIO (UDINE)
    LA STUFA LA PULISCO OGNI SERA
    IL BRACIERE E SEMPRE PULITO
    SI DEPOSITA UN PO’ DI CENERE AI LATI E IN FONDO ALLA PORTA
    GRAZIE

  114. marco scrive:

    AH DIMENTICAVO
    O PROVATO ANCHE CON ALTRI TIPI DI PELLETS
    MA IL RISULTATO E UGUALE
    LA REGOLAZIONE DEI PELLETS E A -35
    VELOCITA VENTOLA 1650
    RI GRAZIE

  115. Domenico scrive:

    Costo di circa E.3700/3800 per una Thermorossi compact 32, umm, forse devo venire da te.
    A me la Compact32 è stata quotata a E.4100 (+ E.330 per serbatoio di 100kg, quindi molto di più della D’Allesandro o Nordica Extraflame TP30)

    Inoltre navigando su internet ho notato che ci sono stati tanti problemi con la Compact32 (varie cause in corso, per problemi di accensione, bloccaggio e electronica). Ho parlato con un idraulico che conosco che mi ha detto che pensa che i problemi siano stati risolti, basta pulirla ogni giorno (Non ho capito se questi problemi sono stati risolti, non mi sembra una buona soluzione dover pulirla ogni giorno…)

    Quindi l’avevo quasi scartata perche non competitiva a livello di prezzo e il fatto che nel passato bisognava andare in causa per metterla a posto… ma se il prezzo diventa competitivo e i problemi sono risolti allora la Thermorossi compact 32 è di nuovo in gioco.

    La Zona Climatica è E (Circa 400M, provincia di Lucca).

    Non ho capito cosa vuole dire “evitare le continue pendulazioni”… La compact è troppa piccola?

  116. cancamilin scrive:

    x marco
    hai la stufa da molto?
    ricordati che vanno manutenzionati (o manutenuti se preferisci) anche canna e girofumi stufa

  117. marco scrive:

    l’ho acquistata ad agosto
    canna fumaria e giro fumi puliti

  118. cancamilin scrive:

    x marco
    -verifica il passaggio dell’aria lungo il vetro, che non sia ostruito dalla cenere
    -hai una presa d’aria esterna in casa?
    -la stufa è attaccata al muro?
    -hai una retina nel comignolo?

  119. marco scrive:

    primo cosa grazie della tua pazienza
    -domani controllo se ce un passaggio di aria per il vetro
    -la presa d’aria l’ho fatta proprio dietro la stufa
    - la stufa dista 15cm dal muro
    - il comignolo e a blocchi di cemento (consigliatomi) per migliorare il tiraggio.
    Questa sera ho abbassato la velocità da 1680 a 1300 e sembra migliorata un pò
    grazie ancora dei consigli

  120. luka scrive:

    ciao a tutti quacuno conosce la sideros elly 9vorrei acquistarla per scaldare80.90metri quadri

  121. luka scrive:

    il tubo a t nella canna fumaria di casa è obbligatorio per installare una stufa a pellet ?

  122. cancamilin scrive:

    x luka
    il raccordo a t serve per raccogliere la cenere che sputa la stufa, se monti una curva a 90° si intasa facilmente

  123. thedarkzar scrive:

    X luka La Elly 9 è 1 gran stufa sia come resa,ottima in consumi e silenziosissima:calcola però che la danno per 180 m3(da dividere per l’altezza hai m2)indicativamente,dato che se la tua abitazione è ben isolata puòi scaldare 1 maggior cubatura.Per l’installazione il raccordo a Tee ogni volta che il tubo passa da orizzontale a verticale è obbligatorio(rischio autocombustione o comunque seccatura per pulirlo più volte in stagione) come la presa d’aria per la combustione all’esterno(se non erro per le Elly intubata all’esterno)

  124. Mario scrive:

    Buonasera, vi scrivo per alcuni consigli.
    I miei genitori hanno una casa a Nettuno (Roma) vicino al mare,ma viene utilizzata anche in inverno e per q,uesto stiamo pensando ad una a pellet.
    Premesso che vi sono anche i termosifoni sono a chiedere quale tipo installare ( marca e modello) per +/- 100 mq ? La stufa va posizionata in un angolo di un salone aperto con cucina separata dove alle spalle vi sono
    2 camere e 1 bagno.
    Ho letto bene di Thermorossi 3000 cosa ne pensate?
    Grazie

  125. Mario scrive:

    chiedo scusa ma chiedo ancora meglio Thermorossi o Extraflame o ecoteck? e qualche prezzo per 100mq
    Ciao e grazie ancora

  126. parlanti roberto scrive:

    mario se mai la 3001 la 3000 non c’e’ piu da un anno
    la vedo bene prendi una 3001

  127. Roby scrive:

    Per chi ha scritto che la gemini della Sideros, è pessima, direbbe anche il motivo? Sono un centro assistenza

  128. Roby scrive:

    Consiglio a tutti, di non collegare la presa aria della stufa direttamente all’esterno, ma di far aspirare quella del locale in cui si trova, ovviamente deve esserci una presa d’aria con dimensioni adeguate e il più lontano possibile, questo perchè in inverno l’aria esterna è umida e fredda, e mandarla direttamente in stufa, potrebbe causare difetti di accensione, e sporcare la stufa, più velocemente

  129. Emanuela scrive:

    Ciao a tutti.Ho bisogno di un consiglio:devo riscaldare un salone di110 mq ( quadrato)alto 4 mt vorrei mettere due stufe a pellet da 12 kw cad
    in sostituzione di due vecchie a legna
    Dovrebbero essere posizionate tutte due sulla stessa parete (canne fumarie, base in pietra e pannelli di rame)
    Pensate sia possibile avere la sala calda?
    grazie

  130. marco scrive:

    c’e’ qualcuno che mi dice se tra le varie marche ci sono modelli meno rumorosi ? ci sono modelli che presentano caratteristiche di bassa rumorosita ? grazie a chi mi risponde
    marco

  131. cancamilin scrive:

    x marco
    le Cola (gruppo ferroli) possono funzionare anche con il ventilatore spento, si accende solo se la stufa è troppo calda e in genere sono molto silenziose.

  132. thedarkzar scrive:

    X marco Io posso garantirti che le stufe gamma Elly(9-13 poly10) di Sideros sono silenziosissime sia al minimo che soprattutto al massimo(la differenza è proprio minima),mentre prodotti come gemini sono molto silenziosi al minimo ed al massimo sono accettabili.

  133. thedarkzar scrive:

    X Roby Sideros richiede l’aria corburente intubata all’esterno e sinceramente di problemi non ne ho mai trovati nella mia zona per questo (pianura padana forse a 2000 mt si,non sò)

  134. tragni alessandro scrive:

    Ciao a tutti dopo aver installato una extraflame graziosa con buoni risultati ho preso due cola una orion ceramica da 11kw una ovetta da 13kw ottime stufe silenziose. Il problema che oggi ho scoperto che l’ovetta e’ priva di targhetta d’identificazione, e ha una documentazione che attesta che
    e’ stata assemblata nel luglio 2007 e un software 1.5 mentre la orion monta il 2.0 ed e’ stata assemblata a setembre 2008.
    Giovedi’ viene il tecnico cola per il primo controllo puo’
    aggiornarmi il software e rimettere la targhetta o mi devo
    rivolgere al venditore e richiedere la sostituzione?
    grazie

  135. cancamilin scrive:

    thedarkzar
    scusa la curiosità: perchè la sideros da anni non aggiorna il suo sito su internet?

    x tragni
    la cola aggiorna continuamente i propri prodotti e proprio per questo da il collaudo gratuito.
    Il cat al primo intervento le aggiorna il software all’ultimo release e se serve anche la parte meccanica.
    penso sia da ammirare, molte marche abbandonano i prodotti già usciti di fabbrica.
    Stia tranquillo ha comprato un prodotto di marca

  136. thedarkzar scrive:

    posso solo dirti che il sito è stato aggiornato recentemente(finalmente)ed all’interno si trova tutta la gamma dei negozi.I motivi non li sò;comunque,sono cambiate molte cose all’interno dell’azienda(come al solito alcune positive altre meno)e il salto di qualità si nota nei prodotti

  137. FIREFOX78 scrive:

    Salve a tutti
    ho acquistato da poco un ecotherm insert 49 termorossi
    Volevo sapere se è possibile diminuire il tempo di spegnimento che dura circa 20-25 min e verso la fine manda aria fredda grazie…….

  138. luka scrive:

    ringrazio in ritardo thedarkzar per il consiglio sulla elly 9 ma non trovando prima di tè consigli positivi ho acquistato una soleil edilkamin grazie lo stesso.

  139. alessandro scrive:

    Ciao, ho bisogno di aiuto!!!! Devo acquistare una stufa a pellet, ma è una giungla. Abito in provincia di Cagliari, cosami consigli? Devo riscaldare 140 mq su un piano (terra). Marche e potenza? Canalizzata o idro? Booooo!!!!!
    Grazie per l’aiuto anche via mail.

  140. PARLANTI ROBERTO scrive:

    secondo me alessandro non esiste meglio di una idro una stufa che puo scaldare uniformemente 140 mq e’ sicuramente la scelta migliore secondo il mio punto di vista ma anche secondo le decine di clienti a cui l’ho gia’istallata.
    secondo me h20 18 thermorossi oppure la sua gemella caldaia.

  141. PARLANTI ROBERTO scrive:

    x cancamillin sei aggiornato in merito alla finanziaria sul risparmio energetico??? alcuni produttori fanno scaricare al 55% le stufe a pellets caminetti e quanto altro non corrisponda alla en 303-5 classe di merito per ottenere immediatamente tali sgravi,potresti dirmi quello che sai tu cancamillin
    grazie

  142. cancamilin scrive:

    x roberto
    serve sempre l’asseverazione di un termotecnico iscritto all’albo per il 55% ma diventa tutto più facile e un pò deresponsabilizzante perchè molte ditte es.: la palazzetti mettono a disposizione (scaricabile via internet) l’attestazione che le loro stufe rispettano la en 303…

    Il problema è che forse questo governo deve togliere la detrazione

  143. thedarkzar scrive:

    la detrazione del risparmio energetico del 55% riguarda solo ed eslusivamente la sostituzione di caldaie con 1 altro apparecchio a metano a condensazione con controllo puntuale della temperatura:per questi due anni,è stata fatta 1 deroga riguardo alle caldaie normali a metano ed a biomassa rispondenti la EN 303-5 classe 3.Sottolineo che l’Enea fa solo da raccoglitore di dati e l’accoglimento della domanda non vuol dire avere la DETRAZIONE:quello lo stabilisce l’agenzia delle entrate al controllo delle domande qualche anno dopo… (viva l’Italia con le sue certezze e trasparenze)

  144. Alessandro scrive:

    Ho da poco comprato una termostufa della Artel. Insieme alla stufa mi hanno regalato 1/2 bancale di pellet di abete. Leggendo sul blog mi par di capire che il faggio abbia una maggior durata. Questa mattina ho acquistato 4 sacchi di pellet della Ardeco di faggio anche se sul sacchetto non c’è scritto nulla sulla composizione) qualcuno lo conosce? Io vivo a Gassino Torinese, conoscete qualche rivenditore in zona che abbia pellet valido?
    Grazie

  145. franco1962 scrive:

    vorrei riscaldare 220m cubi ( senza tramezze ) con una stufa a pellet molto silenziosa, qualcuno conosce le RIKA ? il modello Rio puo’ essere sufficiente?

    mille grazie
    Franco

  146. marcello scrive:

    vorrei un consiglio sono orientato a comprare una MCZ mercury kw 7 è una cattiva scelta? che marca è la MCZ?

  147. Antonella scrive:

    Salve sono Antonella,
    sono intenzionata ad acquistare una stufa ecofire della Palazzetti “GAJA” o “CINDY” o “SISSI” per riscaldare un appartamento in un condominio di circa mq 100 all’ultimo piano con terrazzo con canna fumaria posizionata sulla sala da pranzo dove sarei intenzionata ha metterla, mai stata usata da me o da altri condomini, quindi dovrò fare un lavorone. Vi chiedo le prime e importanti cose che dovrò fare per non avere problemi con il condominio e informazioni sulla stufa che comperrerò, le accortezze che dovrò avere per la durata e l’ efficenza della stufa e sopratutto la migliore qualita’ di pellet.
    Cordiali saluti e grazie per la collaborazione

  148. cancamilin scrive:

    ciao antonella
    -la palazzetti è sicuramente un buon acquisto
    -la canna fumaria è condominiale o è solo per il tuo appartamento? Nel primo caso devi chiedere l’autorizzazione al condominio, nel secondo caso puoi non dire niente a nessuno

  149. Antonella scrive:

    Ciao Cancamilin sono Antonella
    ringrazio per la velocità della risposta e sicuramente questo sito lo frequenterò di più e pensare che ci sono entrata per puro caso.
    Cordiali saluti.

    P.S La stufa pellet Palazzetti che vorrei acquistare può andare anche senza canna fumaria. Quindi non utilizzando la canna fumaria condominiale a che altezza dovrò fare il foro per la fuoriuscita dei fumi avendo la finestra del vicino laterale? Dovrò mettere anche una rosetta per l’aria? Premetto che la parete esterna dove dovrebbero uscire i fumi è senza balcone e sto sempre all’ultimo piano? Grazie per la collaborazione.

  150. carlo scrive:

    Ciao cancamilin,
    ho acquistato una stufa a pallets il 20.10.2008 della extraflame Graziosa un mese fa e il rivenditore non sa ancora quando gli verrà consegnata dalla casa. Sai dirmi qualcosa o qualcuno sa aiutarmi? Devo cambiare modello o marca? Ciao grazie.

  151. mario scrive:

    Salve a tutti,
    ho acquistato una jollymec Caldea caldaia e vorrei da voi un parere sulla macchina e un consiglio nella scelta del pellet. Ho un offerta per il Pfeiffer, ma, leggendo qua e la’ mi sembra di aver capito che il faggio rende di pu’. Cmq. ogni consiglio e’ buono.
    Grazie a tutti

  152. parlanti roberto scrive:

    sulla caldea ottimo prodotto impianto a vaso chiuso a bordo caldaia stufa forno un po di tutto, peccato costi come una panda ero rivenditore jolly mec ma hanno dei prodotti validi ma con prezzi esorbitanti ,anche la storia del puro faggio non la bevete solo faggio non si puo avere non si pellettizza ci sono problemi meccanici sulla filiera poi le differenze di resa in confronto ad altri pellets possiamo quantificarla in poche centinaia di kwatt per kg quindi non e’ una buona scusa per farlo pagare di piu a volte anche 20% in piu tutto cio non e’ giustificato.
    non me ne vogliano i produttori di faggio ma alcuni produttori piu volte mi hanno detto cio si deve mischiare con segatura di abete per avere una buona miscela con il faggio.

  153. Francesca scrive:

    Salve!ho una casa di circa 80 mq netti e come unico tipo di riscaldamento c’è la pompa di calore, oltretutto centralizzata. avendo due bambini piccoli, vorrei qualcosa che permetta di riscaldare gli ambienti in modo più duraturo dell’aria. la stufa a pellet mi può accontentare in questo? vivo a cagliari, mi sapete consigliare la rivendita più accreditata e seria da queste parti?
    grazie mille

  154. ferruccio scrive:

    salve a tutti !!! ho un problema e’ nella norma che consumando un sacchetto di pellet viene fuori circa un mezzo scassetto di cenere ho una termorossi 3001 ‘i pellet sono della ts ho notato che anche nella parte alta della stufa dove parte la fiamma si e’ depositato uno strato di cene finissima ho consumato circa 10 sacchi di pellet rientra nella norma ?ho c’e’ qualcosa che non va e’ possibile che molto tiraggio e porta fuori la cenere? o sono il tipo di pellet’ ho si deve fare qualche registrazione?
    grazie
    ferruccio

  155. claudio scrive:

    ciao a tutti una domanda, la vostra coclea fa rumore?
    ho una pellet plus 1400 camineti montegrappa da 4 anni ha sempre fatto un po’ di rumore, ieri ne ho sentita una di una sottomarca silenziosissima..ci sono rimasto male!!

  156. ANTONIO scrive:

    BUONGIORNO A TUTTI, VOLEVO CHIEDERE A CHI NE FOSSE AL CORRENTE SE SONO AFFIDABILI LE STUFE DELLE INDUSTRIE OLIVIERI, AVENDONE ACQUISTATA UNA?

  157. alessio scrive:

    Ciao a tutti,posseggo una termostufa EDILKAMIN IDROFOX e fino ad oggi non ho mai avuto problemi. Da un po’ di tempo però dopo 4-5 ore di funzionamento devo spegnere la stufa perchè il crogiolo si riempie di pellet annerito e cenere pressata.Premetto che la canna fumaria è stata pulita e il cat ha fatto la pulizia generale poco tempo fa;uso pellet Edilkamin.Il cat mi ha fatto variare qualche parametro dell’aria ma non ho ottenuto i risultati sperati.Chi mi può aiutare?

  158. paolo scrive:

    ciao a tutti,io uso il pellet della ditta amoke.l mio problema riguarda lo sporco che lascia il pellet. Dopo un solo giorno il braciere è pieno di blocchi interi di cenere compatta e l’autopulizia non è efficace. Le pareti interni sono nerissime e anche il vetro è sporco.Non ho mai avuto problemi con altri tipi di pellet che lasciavano solo pochissimo cenere nel braciere. C’e qualcuno che mi può dare una spiegazione a questo problema? Grazie!

  159. parlanti roberto scrive:

    per paolo e’ evidente che manca ossigeno nel bracere quindi ho metti meno pellets o aumenti il livello di aspirazione dei fumi una delle 2 sicuro la terza ipotesi pellets schifoso ma prima prova a fare quello che ti ho suggerito vedrai che migliorera’ molto

  160. parlanti roberto scrive:

    dimenticavo per paolo hai pulito la stufa intendo pulizia approfondita onde evitare di cercare mostri che non ci sono. spesso mi capitano queste situazioni.
    fai manutenzione regolare tubi t stufa e’ tutto pulito???
    ciao

  161. paolo scrive:

    RINGRAZIO ROBERTO PER LA RISPOSTA.VORREI DIRE CHE NON STO CERCANDO MOSTRI, LA MANUTENZIONE E PULIZIA VIENE FATTA REGOLARMENTE OGNI ANNO, MENTRE LA STUFA OGNI GIORNO.E OGNI GIORNO DAL BRACIERE TIRIAMO FUORI BLOCCHI DI CENERE COMPATTA.NELLE PARETI E NEL VETRO OLTRE ALLO SPORCO SI DEPOSITA UNA POLVERINA CHE SI NOTA IN CONTROLUCE.NON HO NESSUNA INTENZIONE DI CAMBIARE LA CONFIGURAZIONE PERCHE CON ALTRI TIPI DI PELLET NON HO MAI, E DICO MAI AVUTO PROBLEMI.
    CIAO.

  162. Angelo scrive:

    Ho una stufa Sicalor mod. Tiziano e nonostante abbia effettuato un’accurata pulizia ogni tanto nel cestello si forma un mucchietto di pellet incombusti o mal combusti costringendomi a chiamare il tecnico per fare un’adeguata taratura. C’è la possibilità di avere i dati parametrali per effettuare autonomamente la taratura perchè nel manuale non sono specificati?

  163. Angelo scrive:

    dimenticavo ringrazio in anticipo
    ciao

  164. nebbia&fara scrive:

    Buongiorno a tutti !!!! sono nuovo del forum. Sto valutando installazione di stufa idro pellet per abitazione monofamiliare in Savona, circa 300 mt di altitudine, su due piani di circa 60-70 l’ uno. Al momento riscaldamento a gpl con radiatori.

    Mi hanno proposto Laminox Carlotta oppure Thermorossi……. che ne dite ?????
    ringrazio ed attendo utili consigli…….

  165. massimo scrive:

    salve a tutti.
    A breve avrò necessità di installare una stufa a pellet che sia in grado di riscaldare un’ambiente di circa133 metri cubi (il mio piano terra). Sapreste consigliarmi una buona macchina? E di quale potenza dovrà essere dotata? grazie per le risposte.

  166. Stella scrive:

    Salve, ho una stufa a pellets della Montegrappa e ultimamente non riesco ad accenderla perchè suona l’allarme ed esce scritto: “Allarme pressostato”. Non riesco a contattare il tecnico! Qualcuno mi può aiutare? Grazie e auguri di buon anno.

  167. fassina roberto scrive:

    salve,la mia stufa,una extraflame nordica modello (bella) che possiedo da circa 6 anni é esplosa .
    Quale secondo voi puo essere il motivo?

  168. luca68 scrive:

    domanda:la mia nuova Palladio Olanda dopo mille avventure perchè completamente starata nei parametri,ora si accende quasi alla perfezione ma dopo alcuni minuti il display mi segnala la temperatura dei fumi a 954° !!! e ovviamente in emergenza,la spegne.
    ma è possibile raggiungere quelle temperature considerando che qualche secondo prima magari segnala 120/150° ??
    forse ho problemi anche con la sonda ???

  169. Simo scrive:

    Ciao a tutti, ho da poco comperato una stufa Ecoteck modello Lisa, scalda bene, è relativamente silenziosa ma ha un piccolo problema: dopo circa 6 ore di funzionamento, il braciere si intasa di residui di pellet e devo spegnere e pulire, altrimenti il pellet esce. Io credo sia il tipo di pellet (ho già provato a modificare tiraggio e caduta pellet), qualcuno sa consigliarmi quale sia il tipo di pellet migliore per qs stufa? Grazie mille!

  170. simone scrive:

    Buonasera a tutti ho appena acquistato una stufa a pellet della prisma meccanica, modello idro per un appartamento di circa 300 metri cubi non riesco molto bene afare delle tarazioni, se abbasso la portata del pellet ” circa 25% in meno” noto che la stufa consuma meno ma i termosifoni sono anche meno caldi circa 45° se abbasso anche l’ aspirazione fumi circa 10% in meno la stufa và in blocco, se lascio tutto a zero scaldano bene i termo ma ho dei consumi alti: sapreste consigliarmi dei settaggi per rendere decentemente e non consumare 3 kg orari?
    poi secondo voi e bene che sia settata alla massima potenza sempre oppure a delle potenze piu basse
    grazie a tutti per l’aiuto

  171. Rossano scrive:

    Buon giorno vorrei sapere se la stufe bivalenti
    che bruciano pellet e legna sono affidabili grazie

  172. Antonella scrive:

    ciao

    ho una stufa a pellets marca CMD Modello ecofire A/B-050 acquistata nel 2006. Quest’ anno quando ho ricominciato a
    accendere il riscaldamento mi ha dato questo problema :
    Carico il serbatoio ma il pallet non scende tutto e si accumola ail lati
    Che cosa è successo? Mi puoi aiutare?
    Grazie Antonella

  173. marco scrive:

    ecoteck-ravelli mod.serena col vetro nei fianchi bal posto della clasica ceramica.l’unico problema visivo che il vetro e sporco anche solo 5 ore,la cenere e grigio topo,magari e regolare..questo è il secondo giorno che ho la stufa e la consiglio a tutti i titubanti…è una figata,nonostante ancora oggi non ho capito il pellet consigliato..e il prezzo di oggi più ragionevole,
    gradirei una rispota..graze.
    oggi…
    al conad..pellets di faggio vergine a 3,30 al sacco da 15kg.

  174. marco scrive:

    cusate….gli errori ortografici….marco.

  175. Germy scrive:

    Datemi un consiglio sulle stufe Ecotech, extraflame o cola; sono rumorose e che resa hanno?

    Grazie.

  176. Antonella scrive:

    Rieccomi sono Antonella ciao a tutti
    ho acquistato da pochi giorni la stufa a pellet della Palazzetti mod. Cindy, sto usando il pellet della Palazzetti abete rosso che vende il rivenditore dove ho comperato la stufa vorrei chiedere lucidazioni:
    1° è un buon pellet o quale devo usare per aver un buon redimento calorifero?
    2° pagato sac. 15 Kg. € 4.50 prossimo scarico € 4.90 è un buon prezzo?
    3° ma si deve sentire un odore strano? Va bene che sono 5 giorni che è accesa e la stufa è nuova ma poi va a sparire l’odore!!!!! o no?
    Chi è così gentile da darmi un risposta?
    Grazie

  177. Sonia scrive:

    Abitiamo in montagna e con il gpl non era più possibile per i costi altissimi ed avendo una persona disabile in casa deve mantenere la temperatura sopra i 20°. Con la stufa a pellets, una k18 della prisma, mi si è verificato il problema opposto, con la stufa al minimo la temperatura ambiente arriva anche a superare i 25°. Potrebbe essere che il “tecnico” per incentivare l’utilizzo del pellets, alzi i parametri interni della stufa. Potreste darmi dei consigli, anche per abbassare il consumo che oggi si aggira a 2 sacchi da 15 kg al giorno. Grazie

  178. ANTONIO scrive:

    X SONIA
    SACCO A 4,50 O 4,90 MI SEMBRA UN PO’ CARO,
    IO L’HO PAGATO 3,35 PRENDENDOLO A LUGLIO E ADESSO LO STESSO PELLET DELLA PFIFFER COSTA 4,00. DIPENDE POI DOVE ABITI, IO TI PARLO DELLA VAL D’AOSTA. PER L’ODORE E’ NORMALE DATO CHE E’ NUOVA, POI ANDRA’ VIA

  179. ANTONIO scrive:

    SCUSATE HO SBAGLIATO LA RISPOSTA ERA PER ANTONELLA.

  180. Antonella scrive:

    Grazie Antonio,
    abito nel Lazio Castelli Romani comperato l’altra settimana logicamente momento sbagliato e sicuramente in estate lo pagherò sempre sopra i 4€, ma tu usi Abete Rosso o cosa?
    ti ringrazio in anticipo se mi risponderai.
    Ciao
    Antonella

  181. ANTONIO scrive:

    X ANTONELLA,
    SI E’ ABETE, EFFETTIVAMENTE DICONO CHE SIA UNO DEI MIGLIORI. I RIVENDITORI SIA DI PELLET CHE DI STUFE DICONO ANCHE CHE UNA VOLTA TROVATO IL PELLET CHE VA BENE CON LA STUFA, CIOE’ CHE NON DA PROBLEMI, DI NON CAMBIARLO. CIAO

  182. nico scrive:

    ciao, sono nico vorrei un consiglio su che stufa a pellets farmi installare, ti spiego, vorrei scaldare 4 camere indipendenti con metricubi 300 totale delle 4 stanze avevo pensato ad una canalizzabile, cosa mi consigli? grazie anticipatamente

  183. olegna scrive:

    Volevo chiedere a cancamilin o chi ha una certa esperienza se le stufe a pellet prodotte dalla Ruegg sono valide.

    Grazie in anticipo!

  184. jacopo scrive:

    ho acquistato il PELLBOX SCF della EDILKAMIN….dopo averlo montato ho provato ad accenderlo ma il ccalore che fuoriesce dalla griglia frontale non mi sembra adeguato per cosa mi aspettavo dal camino…..addirittura dalla bocchetta di canalizzazione l’aria esce fredda o al massimo n pò tiepida.
    Mi hanno però detto che al prima accensione và fatta dal C.A.T…..è quindi normale che il camino si comporti in questo modo? Basterà tararlo bene?
    Grazie

  185. simone scrive:

    se vuoi scaldare 4 stanze separate la miglio stufa è una idro perche con quelle ad aria rischi di avere troppi sbalzi termici dove installi la stufa e le stanze da scaldare

  186. Antonella scrive:

    Ciao sono Antonella,
    di nuovo ringrazio Antonio per la sollecita risposta.
    Ciao

  187. Davide scrive:

    GRUPPO ACQUISTO PELLET PISA

    Salve vorrei a organizzare un gruppo di acquisto per prendere il pellet in periodo prestagionale, intanto sto cercando chi potrebbe essere realmente interessato, poi potremo organizzare la parte restante.

    Iscrizioni qui:
    http://stufapellet.forumcommunity.net/?t=23969345&view=getlastpost#lastpost

  188. Luigi scrive:

    Ciao, sono Luigi, desideravo fare una domanda! Ho da poco comprato una Divina Plus 12 Kw della Nordica, bellissima, rossa. Ho canalizzato le bocchette posteriori (2) nella cucina di 26 mq dato che è la stanza più grande e meno esposta al sole. La mia casa è di 125 mq con un’altezza di 2,70 m. Valutando la possibilità di aumentare la potenza dei motori (ne ha due) e delle ventole per aumentare il calore/combustione in un range che va da 1 a 5, è possibile che a meno del 4 non riesco a portare la temperatura delle stanze a più di 17,5 – 18 gradi? Ho provato da qualche giorno ad aumentare la gittata dei pellets sulla potenza 2 / 3 del 30/40 per cento e cambiare il pellet (sto usando una marca di abete PelKall), ora valuterò…a questo punto mi chiedevo se dovessi far controllare la stufa da qualche tecnico o è normale! Vi ringrazio, un saluto a tutti!

  189. fabrizio scrive:

    sono nuovo del blog e volevo chiedere, in quanto importatore di una nuova biomassa, da usare anche nelle stufe a pellet ma soprattutto nelle caldaie (la resa e ottima e il costo è ridicolo a confronto del pellet e del metano-gasolio) quanto costava il pellet in sardegna visto che tempo fa leggevo dei prezzi da capogiro, chi unque voglia informazioni non esiti a bloggarmi e se lascia la meil lo ricontatto, sto cercando rivenditori per le isole molto interessante un saluto da fabrizio ecomasse

  190. simone scrive:

    X SONIA
    la k18 della Prisma è una buona stufa, per quanto riguarda i consumi si sono dei parametri alla stufa, fra cui la possibilità di aumentare e diminuire la percentuale di pellet in caduta che và da +50% a -50% settabili da parametri stufa nel menu prisma, tieni presente che io posseggo una idro della Prisma con una resa di 18 kw
    io la tengo in III potenza con 30% meno di pellet e di media nel mio appartamento di circa 100 mq ho 22.5°
    con un consumo di 2kg orari con pellet di misto conifera
    ciao Simone

  191. stefano scrive:

    devo riscaldare 140mq : zona giorno con quattro ventilconvettori ed un radiatore (70mq) zona notte con sei radiatori. devo anche produrre acqua sanitaria per due bagni ed una cucina.Con una idrofox della edilkamin che ha una resa all’acqua di12.3kw ci posso riuscire? grazie

  192. parlanti roberto scrive:

    ciao stefano la domanda e’ piu complessa di quanto sembra la potenza di 12.3 kwatt resi all’acqua non e’ una esagerazione ma se abiti non a 1500 mt di altezza potrebbe riuscire a fare tutto. fai istallare una valvola deviatrice al sistema ed un bollitore da 150 lt dando sempre precedenza al bollitore in partenza la valvola del tipo mut e’ micidiale gira in 10 secondi ti occorre un termostato al bollitore a 2 scambi 3 contatti fatta l’acqua calda passerai all’azione per il riscaldamento meglio se le zone da riscaldare sono divise da zone ben delineate i ventil sono micidiali e non avendo una grande quantita’ d’acqua nella stufa rischi che lei lavori sempre in pendulazione attacchi e stacchi la pompa questo sarebbe da evitare. se i ventil sono molto grossi e quindi sovradimensionati il rischio e’ grande la potenza non e’ tanta meglio se avessi una macchina piu grande secondo me.o dovresti ricorrere ad un vaso inerziale di accumulo sempre che hai spazio l’impianto in questo caso sara’ piu macchinoso ma il risultato e’ garantito.
    potresti anche utilizzare un puffer e fare sia acs che riscaldamento certo se prendi la stufa un po piu grossina eviteresti il tutto.ciao

  193. stefano scrive:

    grazie per i consigli ROBERTO

  194. gallura scrive:

    cerco pellet di ottima qualità nella zona di Olbia, una o due pedane al massimo; è possibile trovarne ancora?
    possibilmente con consegna. Grazie

  195. gallura scrive:

    Cerco pellet di ottima qualità nella zona di Olbia, una o due pedane massimo, è possibile trovarne ancora?,
    se possibile anche con trasporto. Vi ringrazio

  196. gallura scrive:

    per Fabrizio, potrebbe essere molto interessante, visto i prezzi, e la scarsità di prodotti decenti, ti lascio la mia e-mail, michefurbo@libero.it, contattami, a presto.

  197. mauro scrive:

    Ciao a tutti visto che sono capitato su un sito di intenditori e visto che sono nel pallone totale per quanto riguarda la mia Ecoteck Sofia che utilizza pellet della Ardeco mi potete dare un consiglio sul perchè il fornello continua a riempirsi di pellet bruciato male con conseguente annerimento della camera di combustione la stufa viene pulita regolarmente.Un grazie per l’eventuale risposta.

  198. ARCA scrive:

    Ciao a tutti.
    ho una abitazione di circa 200 m2 su 3 piani, in una zona a circa 900 mt slm, ho il classico riscaldamento a gas e spendo circa 2200/2500€ ogni anno, vorrei comprare una stufa a pellets adeguata ( tipo FAMAR Fenix 34) .
    Vi chiedo info per il tipo di stufa o eventualmente altre marche, inoltre pensate che io possa abbattere il costo annuale che ho per riscaldarmi?? ( devo dire abbastanza male) ad oggi???.
    quanto pellets dovrò acquistare ( costo e spazio)
    grazie a tutti

  199. davide scrive:

    salve, ho una nova mcz hidro, è una bomba, consuma pochisssimo, silenziosissima, ho un unica richiesta, ma la manutenzione non otrei farla io, senza l’intervento del tecnico? qualcuno mi sa dire come devo agire sul condotto dei fumi? grazie

  200. anna scrive:

    Ciao a tutti.
    Faccio parte di un G.A.S. (gruppo di acquisto) in provincia di Torino.
    Molti di noi si scaldano con stufe a pellet.
    Considerando che l’ingente quantitativo acquistabile vi chiederemmo il miglior prezzo che potremmo avere per il pellet che rende di più.
    Inoltre c’è qualcuno che conosce la Synergy Pellet?
    Ringrazio per l’attenzione.
    Anna

  201. cancamilin scrive:

    x Mauro
    premi in contemporanea i tasti con il simbolo del pellet, lì puoi modificare la caduta del pellet e negli ultimi modelli anche il tiraggio

  202. mauro scrive:

    Ringrazio cancamilin per la risposta che mi potrà essere utile per il futuro.Nel frattempo che aspettavo una risposta mi era venuta l’idea di smontare il gomito del camino per controllare l’interno ebbene era ostruito per all’incirca 1/6 aspirato il tutto e pulito per bene la tubazione la stufa ha ripreso ad andare perfettamente ed anche la pulizia giornaliera non è più un problema con tutto il nerastro che volava per casa.Grazie a tutti.

  203. cancamilin scrive:

    ehehe chi ben pulisce è a metà dell’opera

  204. silvia scrive:

    Buonasera.
    Mi chiamo Silvia,e da ottobre io e mio marito, abbiamo acquistato
    una stufa a pellet Royal,modello Tecna.
    Voglio premettere ke puliamo dalle ceneri a
    regola.Crogiolo,cassetto,terminale della canna fumaria,scegliamo sempre pellet
    integro e senza sfarinature scadenti, e Tutto,MA…

    Fino a Natale è andato
    tutto ok ( a parte un piccolo particolare,e cioè ke se la stufa la regoliamo su
    automatico o a 1…non regge e si spegne.Da sempre!)
    Ora abbiamo un problema +
    grave.
    La stufa non riesce proprio a partire!
    Dà l’imput di accensione,ma la
    cloaca…(è quella ke carica i pellet vero?)…non gira proprio!!!
    Non carica
    il pellet.
    Si accende la spia looad …ma non scende nulla e il meccanismo non
    gira!
    A qsto punto dà l’errore fail dep e…morte!
    Niente! E’ venuto anke il
    tecnico ke cura la garanzia…riusci’ a farla partire,ma all’accensione
    successiva non è + andata.
    Non mi fido molto della manutenzione ke fanno qui…
    anke se hanno le licenze…xkè altrimenti mi avrebbero risolto il problema,o
    no?!
    Volevo gentilmente sapere da voi quale puo’ essere il guasto e se x favore
    mi date qualche dritta e potete aiutarmi.
    Grazie
    Silvia ke ha tanto freddo!

  205. Camillo scrive:

    buonasera a tutti; ho aquistato una stufa pellet/legna
    Eurofiamma modello furbetta astra,ho dovuto calcolare
    il tiraggio della canna fumaria in quanto la stufa è a tiraggio
    naturale, fatto questo in modo corretto ho istallato la stufa
    e posso dirvi che ne sono soddisfatto.

  206. fabiano scrive:

    Salve a tutti…io ho da poco installato una stufa a pellet, modello Colombia sideros della WEGAWHITE.
    il problema che riscontro è che quando parte con il timer dopo alcuni minuti, circa 12, mi da “no accensione allarme”, quindi va in spegnimento…disattivando l’allarme rla stufa va in ventilazione e lavora correttamente!!!!!!
    qualcuno sa cosa devo fare?????
    grazie

  207. giankarlo scrive:

    salve, vorrei acquistare una stufa a pellet per appartamento di 90 mc ma dove la vorrei mettere non ho abbastanza spazio, a quanti cm deve stare staccata dal muro la stufa?
    posso far passare la canna fumaria nella stanza dietro (cucina) per accostare la stufa completamente al muro?
    come posso guadagnare spazio(profondità)?
    l’unica con scarico laterale é la 3001 thermorossi?…ma come kw puo bastare?
    grazie 1000.

  208. gianni scrive:

    x fabiano
    quella stufa deve essere collaudata dall’azienda x essere valida la garanzia , sicuramente è solo un problema di taratura delle impostazioni di caduta pellet , contatta il cat di zona .

  209. gianni scrive:

    x giankarlo
    90 metri cubi o quadri?
    la 3001 devi staccarla lameno 5 cm le altre con tubo circa 15/20 cm ma puoi forare la parete ed entrare in cucina ( ma non nelle camere da letto) e passare la canna fumo in cucina ma okkio al tubo caldo ………………..

  210. giankarlo scrive:

    ringrazio gianni per la risposta,
    appartamento di 90 metri quadri
    mettendo la canna fumaria della stufa nella stanza dietro, poi come faccio a fare la manutenzione volendo coprire la canna fumaria con del cartongesso?
    che stufa mi consigliate? senza canalizzazione riesco a scaldare discretamente le stanza vicine?
    con la 3001 riesco a scaldare?

  211. gianni scrive:

    x giankarlo
    coprire la canna fumo si puo ma la parte bassa deve essere ispezionabile x poter aprire il tappo del t scarico condensa per poter togliere eventuali residui di fuliggine
    la 3001 ha 9 kw e non puo essere canalizzabile
    sarebbe meglio una 7000 da 11kw canalizzabile e mandare l’aria calda direttamente nelle altre stanze

  212. Francesco scrive:

    Ho una Niagara della CLAM. Perfetto funzionamento fino a qualche giorno fa. Da allora ha cominciato ad accumularsi il pellet nel fornello. Si accende bene come sempre ma piano piano il pellet si accumulam fino ad intasare il canale di uscita. Quale può essere il problema?

  213. gianni scrive:

    x francesco
    hai cambiato pellet ?

  214. Francesco scrive:

    si, ho svuotato e sostituito con un pellet sicuramente asciutto e di buona qualità…ma tutto è rimasto invariato…la sensazione è che dal fornello nona rrivi più la quantità d’aria che arrivava prima nonostante i fori siano completamente liberi…

  215. giankarlo scrive:

    scusate ma per un appartamento di 90 m2
    -potreste consigliarmi una stufa a pellet affidabile, per la manutenzione sono uno che si adatta (visto la prima volta)
    - che non mi leghi troppo all’assistenza (leggendoVI… mi sembra importante tenerne conto nella scelta);
    -posso spendere sotto i 2000 € e dovrei avvicinarla il piu possibile al muro, ho poco spazio
    confido in voi siete bravissimi!!!

  216. gianni scrive:

    x giankarlo
    vai su una 3001 la trovi meno di 2000 euro e con lo scarico laterale si avvicina di piu delle altre e devo dire che puoi farti l’assistenza da solo e i ricambi , x mia esperienza sono quelli che costano meno , e come è concepita e semplice e affidabile sul manuale trovi anche lo spaccato della stufa con tutti i ricambi , cosa che gli altri non lo fanno

  217. giankarlo scrive:

    grazie gianni per i consigli, veramente gentile!
    mi sta prendendo come non immaginavo, faccio domande a tutti quelli che conosco che possiedeno già una stufa! …un mio collega mi dice che la migliore per lui è multi air mcz….credo, perche manda l’ aria anche dietro ,però dice che costa 3000€ ,più installazione è posibile? li vale? mi dice che piu sono grandi e meno consumano????

  218. diego scrive:

    Salve a tutti
    voglio acquistare un ecotherm insert 49 termorossi, perchè è l’unico che ci sta nel mio camino. scalda? è rumoroso? quanto costa? è meglio una stufa? Voglio un consiglio su un inserto camino a pellet e se ne esiste uno che si può collegare all’impianto dei termosifoni h2o. grazie in anticipo a chi mi aiuterà

  219. gianni scrive:

    x giankarlo
    anche la 7000 thermorossi manda aria calda fino a 16 metri dal posteriore e costa circa 3000 euro
    ti informo che la MCZ a luglio mette in commercio le nuove stufe (che ho gia visto) e il modello piu costoso multiair sara circa di 2850 euro rivestita in ceramica con il sistema “active” cioe che regolano la combustione da sole in base al tipo di pellet e alla canna fumaria , praticamente sono molto piu semplici da gestire x l’utente finale ma l’aria calda esce dal retro con un raccordo da 60mm e puo essere portato fino a 8 metri e tramite il telecomando puoi gestire le 2 ventole separatamente cioe quella frontale o quella posteriore , pensaci.

  220. gianni scrive:

    x giankarlo
    dimenticavo non e vero che piu sono grandi e meno consumano , ad ogni potenza corrisponde un tot di consumo , cioe a parita di rendimento (il 90% ,91, 85 ) consumano uguali , l’energia non si crea , si trasforma , tot di kg di pellet , tot di kcal/h rese , sempre a parita di dendimento .

  221. gianni scrive:

    x diego
    l’inserto a pellet esiste anche idro, cioe da attaccare ai termosifoni, ma se vuoi un consiglio , metti una stufa idro , piu semplice da installare , da manutenzionare , costa meno , ha il casseto cenere e tanti altri pregi , ma sempre di ottima marca.

  222. alex78 scrive:

    salve a tutti vorrei una informazione ,ho comprato una stufa a pellet della last calor 12kw ma alla pima accensione la resistenza non fa bruciare il pellet .essendo la prima accensione probabilmente colpa della resistenza ,qualcuno sa se e’proprio colpa della resistenza o possono essere altri motivi?ringrazio

  223. marco scrive:

    x Silvia per il problema della coclea a volte mi e’ capitato di dover smontare il motorino e strigere le viti per non farlo girare a vuoto.
    Richiama il tecnico e faglielo smontare se da smontato gira e non daì problemi come dicevo prima vogliono strette le viti dello stesso perche’ sotto sforzo slitta.

  224. marco scrive:

    x alex 78 prima o seconda accensione la candeletta deve scaldarsi. controlla se arriva tensione alla candeletta con un tester.
    Per ora non posso esserti utile di piu’………

  225. alex78 scrive:

    x marco grazie x larisposta ho provato ma la candeletta non ha tensione cmq ringrazio ancora

  226. giankarlo scrive:

    grazie ancora gianni, questo sito è davvero interessante!
    scusate la mia ignoranza ma piu mi informo e piu diventa difficile scegliere una stufa.
    Secondo la vostra esperienza con la stufa nel salone (di 35m2) senza canalizzazione riesco a riscaldare la cucina (di 25m2) solo grazie alla porta che si trova a 50cm a lato della stufa? c’è un muro dove sistemare la stufa che separa le due stanze.
    le stufe canalizzate anno bisogno di piu lavori per portare l’aria ….. fanno piu rumore? piu polvere? ne vale la pena secondo voi?

  227. gianni scrive:

    x giankarlo
    se le stufe canalizzabili sono di ottima marca sono abbastanza silenziose , se non canalizzi l’aria x la cucina potrebbe succedere che nella stanza dove monti la stufa avrai sicuramente una temperatura + alta e nell’altra stanza + bassa , polvere non + di tanto , per portare l’aria nell’altra stanza basta praticare un foro dietro la stufa , secondo me ne vale la pena ( per la mia esperienza )

  228. marco scrive:

    per alex
    se non ha tensione bisogna cambiare il rele’.
    Se vuoi accendere la stufa puoi mettere nel braciere un pezettino di diavolina ecologica acceso chiudi lo spotello e dai la partenza.
    in seguito vedrai con il tecnico

  229. giankarlo scrive:

    grazie per le risposte!
    mi togliete un dubbio, l’aria da canalizzare nella sola stanza dietro la stufa, ha che altezza è preferibile portarla? alcune stufe la fanno uscire in basso , altre piu in alto…

  230. gianni scrive:

    x giankarlo

    l’altezza dipende dalla stufa io credo che a terra o ad 1 metro da terra non ci sia molta differenza falla uscire alla stessa altezza della bocchetta dietro la stufa , ti darà molte soddisfazioni.

  231. diego scrive:

    grazie gianni per la tua risposta, ma vorrei saper se c’è qualcuno che ha un ecotherm insert 49 termorossi e se è contento dell’acquisto. il salone dove va installato è circa 200 m3. poi per acquistare una stufa idro da collegare all’impianto esistente quale marca mi consigliate. la mia casa è di 130 mq con un impianto monotubo. è possibile collegare l’impianto monotubo alla stufa idro? quale secondo voi è la marca migliore per questo tipo di stufa? e quanto costa? io abito in prov di pv a chi posso rivolgermi per l’acquisto e l’installazione. io penso che l’importante di una stufa di questo tipo è che scaldi e che sia silenziosa.

  232. Mauro A. scrive:

    Ciao a tutti, non dite che sono troppo in anticipo, ma mi sto già muovendo per l’acquisto del pellet per il prossimo invero, il cnsumo finio ad oggi per ques’anno è stato di 170 sacchi (da 15Kg),.
    Ho trovato in rete un produttore BERTARELLI (Le essenze contenute sono per il 95% FAGGIO e ROVERE, restante 5% frassino, acero e noce.) il prezzo è molto interessante, avete mai sentito o utilizzato questo prodotto? Spero che possiate darmi qualche opinione.
    Saluti a tutti

  233. gianni scrive:

    x mauro A.

    se ti posso dare un consiglio , il pellet x ora non è il migliore , il prezzo credo che sia ancora alto , aspetta ancora almeno 1 o 2 mesi e si conosceranno le sorti del pellet.

  234. gianni scrive:

    x diego
    credo che le idro migliori siano le thermorossi , per altro in questo momento in prestagionale a costi molto più bassi che in satagione( per la mia esperienza con il pellet , 12 anni)
    per impianto monotubo cosa intendi?
    perche vorresti montare un inserto canalizzabile da 9 kw?
    ll 49 è un ottimo inserto con tutti i vantagi ma anche gli svantagi, intendo il peso per estrarlo x il caricamento e i problemi x le manuntenzioni e le pulizie , cose che con le stufe non avviene.

  235. Mauro A. scrive:

    Ciao a tutti, non dite che sono troppo in anticipo, ma mi sto già muovendo per l’acquisto del pellet per il prossimo invero, il cnsumo finio ad oggi per ques’anno è stato di 170 sacchi (da 15Kg),.
    Ho trovato in rete un produttore BERTARELLI (Le essenze contenute sono per il 95% FAGGIO e ROVERE, restante 5% frassino, acero e noce.) il prezzo è molto interessante, avete mai sentito o utilizzato questo prodotto? Spero che possiate darmi qualche opinione.
    Saluti a tutti

  236. giankarlo scrive:

    scusate ma una stufa idro quanto consuma in % di piu di una stufa ad aria?
    avendo gia’ il metano (condensazione) puo’ essere conveniente per riscaldare circa 100 m2 con normale coibentazione?
    grazie 1000

  237. parlanti roberto scrive:

    x giankarlo ciao secondo me conviene se hai una condesazione ma non hai un impianto a bassa temperatura la convenienza e’ decisamente di piu se hai anche una bassa temperatura o meglio impianto radiante a pavimente la convenienza si appiattisce ma vista l’ottica dei 4 anni circa avrai ripagato l’investimento.

  238. Alessia scrive:

    Ciao a tutti,
    quest’anno ho acquistato una stufa idro Nordica extraflame, e anche 1 bancale di pellet MY FIRE, qualcuno di voi sa dirmi da dove venga questo pellet?
    ha un buon rendimento e sporca veramente poco la stufa.
    Nel sacco non c’è nessun riferimento alla ditta produttrice e il mio fornitore mi dice che non nne hanno più e mi ha venduto il pellet SITTA di Mister Focus. Questo pellet sporca moltissimo, ma il problema è che la mattina non si accende la stufa perchè sul fondo del braciere si forma uno zoccoletto di cenere solidificata. Qualcuno sa consigliarmi un buon pellet?

  239. gianni scrive:

    x alessia
    ciao credo che il sitta sia un buon pellet ma nel periodo di massimo lavoro a dicembre abbiano fatto un po di ………… quel residuo lo hanno avuto tutti quelli vhe lo hanno comprato nel periodo di natale, bisogna comprarlo in estate è migliore e costa meno .

  240. Cesare scrive:

    Ciao ragazzi,alcuni mesi fa ho acquistato una stufa Eurofiamma modello Astra,la installerò il prossimo inverno nella casa in cui mi trasferirò,qualcuno di voi la possiede (anche altri modelli eventualmente) e sa darmi delle valutazioni? Grazie a tutti.

  241. gianni scrive:

    ciao ki conosce il sistema active della MCZ?
    secondo voi funziona ? e affidabile?

  242. gian69 scrive:

    ottimo blog!
    scusate per un appartamento di 130 m2 alto 2.70 m con 8 termosifoni in alluminio, una coibentazione effettuata all’interno, mi consigliano una stufa a pellet idro charme edilkamin; temo che sia piccola e che debba andare sempre al massimo o quasi!
    …chiedevo se qualcuno la usa per 8-10 ore giorno quanto pellet consuma per avere 19 gradi ?
    grazie comunque!!!

  243. parlanti roberto scrive:

    xgian69 la stufa non deve andare sempre al massimo altrimenti rende meno dati rilevati dalle tabelle dei produttori una stufa per quella casi li secondo me deve avere una potenza compresa tra i 11 /13 kwatt attenzione resi al fluido non complessivi quindi una stufa che ha un massimo di 15 18 kwatt globali credo che il modello edilkamin in questione possa andare non conosco la specifica della stessa.
    credo che se ben istallata si andra teoricamente consumare una media di 22/23 kg di pellets giornalieri. se ben isolata forse anche meno.
    saluti

  244. Bruna scrive:

    x fabrizio
    abito in ogliastra, cerco pellet (4 pedane) ad un prezzo decente contattami mauropix@tiscali.it

  245. Bruna scrive:

    a proposito ho trovato in internet pellet BERTARELLI a € 2,90 + iva il sacco sapete dirmi se è di buona qualita? Grazie a tutti

  246. EUROLAM è un marchio DRA.CO.M. S.r.l.

    L’Azienda è specializzata nella produzione di caldaie a biomasse ed ha

    recentemente avviato anche la produzione di termocamini ad acqua.
    Un personale qualificato unitamente alla continua ricerca di soluzioni

    innovative nel settore del riscaldamento, conferiscono all’azienda un

    eccellente know-how tecnico nella produzione di caldaie e di

    termocamini.
    Tutti i nostri prodotti sono concepiti per soddisfare anche le più

    particolari esigenze del mercato e vengono realizzati seguendo tre

    concetti fondamentali che ispirano tutta la filosofia aziendale:
    AMBIENTE:
    I prodotti destinati al riscaldamento alimentati con biomasse hanno una

    “combustione veramente pulita”. Sono ECO-COMPATIBILI, in quanto i

    combustibili utilizzati con le nostre caldaie (cippati; gusci di

    nocciole, noci e mandorle; pellet; sansa di oliva ecc…) e termocamini

    (legna e pellet) non producono alcuna emissione netta di anidride

    carbonica e non contribuiscono quindi all’effetto serra come invece

    accade per i combustibili fossili. Le biomasse inoltre, sono

    rinnovabili.
    SICUREZZA:
    Scegliere un prodotto Eurolam vuol dire scegliere la sicurezza. Tutti i

    nostri prodotti vengono sottoposti a controlli rigorosi che ne

    garantiscono la sicurezza e l’affidabilità. Tutta la produzione viene

    eseguita con la massima cura e precisione in assoluto rispetto delle

    normative vigenti in materia. Inoltre, alla fine del ciclo produttivo,

    viene effettuato un collaudo sistematico sul 100% dei pezzi al fine di

    garantire “la sicurezza vostra e di chi vi sta vicino”.
    RISPARMIO:
    Le caldaie alimentate con biomasse rappresentano il sistema più

    economico per riscaldare gli ambienti. A parità di calore prodotto

    infatti, le biomasse costano assai meno dei combustibili tradizionali

    (gasolio, GPL, metano).

  247. armando scrive:

    ciao in passato ho usato vari tipi di pellets e quello che secondo me e’ stato il migliore e’ il BRUCIOLO della TIESSE e un altro prodotto che sulla confezione un grande cuore, qualcuno potrebbe indicarmi in prezzo di questi prodotti e dove poterli aquistare in provincia di piacenza, grazie a tutti

  248. roberto parlanti scrive:

    salve sono veramente dispiaciuto che la magistratura stia lasciando cadere la cosa cosi’!! senza ne vincitori ne vinti se tutto questo casino non ha portato a nulla chi ha scagliato la prima pietra e’ bene che se la riprenda in faccia. o si fara’ chiarezza oppure bisognera’ andare a striscia che piu volte ho contattato in passato per produttori anonimi di sacco!!!
    fatto e’ che le arpam danno ragione a naturkraft (premetto che non ho mai venduto un sacco) ma difendo anche io la categoria e nessuna smentita passa in tv.
    cosa ci sara’ sotto come al solito interesse da parte di qualche personaggio che a sua volta ci dara’ lui pellets???
    mah!!!! vedremo gli sviluppi.
    se ci saranno!!!

  249. cancamilin scrive:

    Cito
    “fatto e’ che le arpam danno ragione a naturkraft (premetto che non ho mai venduto un sacco) ma difendo anche io la categoria e nessuna smentita passa in tv”

    Proprio vero. Mi toccherà passare da ogni singolo cliente per spiegare quello che i tg dimenticano di dire.
    Ma del resto fa più notizia una strage di un falso allarme…

  250. Jos Cas scrive:

    Hai ragione carissimo Cancamilin.
    Nel mio piccolo sto tentando di diffondere il più possibile la notizia ai miei conoscenti, amici, parenti consumatori di pellett.
    In tv sono capaci di far casino “lo scoop” tutto per far notizia, poi se c’è da smentire o rettificare quanto detto si tirano sempre indietro.
    Ciao, Jos Cas

  251. Il_Gabri scrive:

    Concordo – pienamente – con Roberto e Cancamin.
    Mi pare strano che l’ARPA di Aosta dopo il comunicato del 15/06 non dia ne conferme ne smentite a differenza delle sedi regionali (alla fine per l’esame in questione pare occorrano pochi minuti).

    Trovo soprattutto strano che tutti le agenzie abbiano dato la notizia indicando “UN PRIVATO” come promotore della prima analisi…

    Ma chi è ‘sto “PRIVATO”??

    Possibile che con tutti i segugi della stampa non sia ancora saltato fuori?

    Nessuna intervista?

    Nessuno si è preso la briga di approfondire?

    La privacy dei cittadini tanto spesso calpestata in nome del dovere di cronaca in questo UNICO caso è stata salvaguardata?

    Io ci sento puzza di bruciato, mi sa tanto di bieco espediente di concorrenza sleale.

    Purtroppo srebbe grave se in questa si ravvisasse una complicità degli organi istituzionali.

    E’ indiscutibile che la salute delle persone venga prima di tutto, ma non è pensabile che si creino allarmismi con tanta rapidità per poi tacere completamente laddove anche delle informazioni tranquillizzanti siano ampliamente disponibili.

  252. guido scrive:

    ciao a tutti! sto cercando del pellet per uso proprio, cè nessuno che sa dirmi dove poterlo trovare ad un prezzo accessibile per la provincia di siena?

  253. francesca scrive:

    salve a tutti in questi giorni sto facendo dei giri x l’acquisto invernale di pellet.
    oltre al pellette di faggio la marca è la L.E.T.S mi hanno proposto il pellett di pino nero decorticato prodotto in uno stabilimento umbro.
    chi mi sa dire se può essere un prodotto buono?
    grazie a presto.

  254. elena scrive:

    X Francesca. Ciao, io ti consiglio quello che è stato consigliato a me, cioè l’abete bianco. Non ho informazioni specifiche sul pellet di pino nero però a me è stato consigliato da più persone di usare un pellet chiaro, possibilmente abete bianco perchè sporca meno e ha una resa migliore. Poi non so, ognuno ha la sua opinione, un tecnico consiglia uno, l’altro consiglia l’altro! Mah! Comunque lascio anche a te il contatto del fornitore da cui l’ho preso io quest’anno e mi ha fatto una buona offerta, so che spediscono in tutta Italia, magari ti è utile:
    carmine270779@hotmail.it
    Buona ricerca!

  255. Enrico fabio 21/08/2009 scrive:

    Salve a tutti scrivo da roma e vorrei seriamente orgazizzare o far parte di un gruppo di aquisto per il pellet.
    Se siete interessati vi prego di scrivermi, al momento siamo 2 famiglie

  256. vito scrive:

    Salve. Dovrei acquistare una Caldea Legna/pellet della Jolly mec. Vorrei sapere se qualcuno l’ha installata e che resa ha. Mi hanno pure detto che questo impianto usufuisce del recupero irpef del 55% anche se nella legge in questione si parla del 36%.

  257. Giacomo scrive:

    Ciao a tutti..sono Giacomo dalla provincia di pesaro e posso consigliarvi due tipi di pellet che non danno assolutamente problemi alle stufe che adopero ormai da anni:
    - Pellet NORICALOR puro abete bianco austriaco che lascia un basso residuo di cenere e ottimo potere calorico; 5,3 kw/h
    - Pellet GECO pellet misto faggio ed abete con una caloria che si aggira attorno a 4,5 kw/h
    per maggiori informazioni g.perioli@libero.it

  258. Pietro scrive:

    Io ho una thermorossi compact 32 che consuma tanto circa 4/5 sacchi di 15kg al giorno, casa 130mq. Anche se in sostanza nuova( solo 2 anni), dopo qualche test sul consumo e i tecnici che non sono stati in grado di fare niente, il signor Thermorossi che non vuole cambiare questo modello per uno che forse funzione, ho deciso di buttarla via e installare una nuova. Questa volta compro una caldaia vera e non una stufa che è stata convertita in una caldaia.
    Inoltre la compact 32 richiede: –
    PULIRE BRACIERE TUTTI I GIORNI (Quindi spingimento attendere raffrenamento e aspirare)
    CENERE ogni giorno
    OGNI 2 SETTIMANE SCRARICO FUMI (aspirare)
    OGNI MESE ASPIRARE SERBATOIO PELLETS
    2 VOLTE L’ANNO PULIRE CANNA FUMARE

    Quindi visto che il lavoro non è cosi poco e il costo di pellets oggi Euro 4.50 al sacco – compro una caldaia a legna.

  259. vuanm scrive:

    ciao a tutti vorrei chiedere a tutti voi come vanno le stufe olivieri ne ho trovata una da 25Kw la hydro nuova me la cede il vendidore a 2000 € di che a bisticciato con il rappres. e se dissociato dalla vendita ora la stufa ce la sul groppone, a questo punto mi chiedevo il funzionamento e come si comporta se ce qualcuno che nepossiede una vorrei solo sapere se ne vale la pena a parte il prezzo ciao e grazie anticipatamente.

  260. Andrea scrive:

    SAlve, possido una ecothern h2o della termorossi, attualmente uso pelle ENERLESS che cosi come detto da chi me lo ha venduto, è il non plus ultra per la mia stufa hidro.
    Volevo sapere quale tipo di pellet è più indicatoper una stufa hidro.
    Grazie.
    AndreAncona

  261. Marco scrive:

    Ciao!

  262. adriano scrive:

    ciao a tutti ,
    ho da 15gg comprato una stufa a pellet dal zotto, modello loretta, per ora sono molto soddisfatto,
    avrei piacere di ricevere un parere tecnico in merito alla marca e il modello da me acquistato.
    grazie a tutti.

  263. Franco scrive:

    Ciao a tutti,
    ho una Sideros Gemini della quale sono molto soddisfatto.

    Ultimamente ha un problemino: dopo essere rimasta accesa per circa un paio d’ore la fiamma si attenua ed il pellet si accumula nel crogiolo fino a soffocare il fuoco spegnendolo.

    La stufa è in funzione da febbraio 2009 ed ha lavorato per un totale di poco più di 3 mesi.

    Puo’ coincidere con il cambio del tipo di pellet? (prima usavo biopellet ed ora uso enerpellet)

    2a domanda, è possibile collegarla ad un cronotermostato qualunque o occorre obbligatoriamente acquistare quello opzionale di Sideros?

    Grazie in anticipo per la risposta e complimenti per il blog, è molto istruttivo.

  264. vanni scrive:

    ciao a tutti volevo sapere se qualcuno puo’ conosce queste 3 qualita’ di pellet e puo’ darmi dei giudizi a riguardo:
    -ALTiNYA AMOKE’ (4.20E) legno vergine da latifoglie e conifere(italiano) Scuro
    -BRUCCIOLO (4.50E) (italiano) scuro
    -COMMERCIAL POWER (3.40E) (70% faggio e 30% abete) (croatia )
    attendo vostre indicazioni con urgenza cosi mi accingo a prenderne un bancale.grazie 1000

  265. adriano scrive:

    per Vanni
    il pellet altinya amoke’ lo utilizzo abitualmente e per conto mio è di ottima qualità ….io lo pago 3,95 euro

  266. vanni scrive:

    per Adriano
    Grazie mille per l’informazione ne terro’ conto!

  267. eugenio scrive:

    cerco persone disposte a pagare poco il pellet formando un gruppo di aquisto , obbiettivo massimo 3 euro al sacco, pellet di faggio.Stagione 2010-2011,grazie

  268. Antonio scrive:

    Ciao a tutti sono Antonio di Varese , da circa tre anni ho una stufa della marca Veneto Stufe modello Favilla e mi trovo benissimo… ogni anno apporto delle modifiche alla stufa e mi trovo sempre bene… sto’ cercando un gruppo di acquisto nella provincia di varese x abbattare i costi x pellet amoke’(sporca e’ vero’… pero’ la pulizia me la faccio io e cmq scalda di piu’…) qualcuno sa’ dirmi se c’e’ un gruppo di acquisto del pellet amoke’ nella provincia di Varese? grazie a tutti quelli che mi risponderanno….

  269. vanni scrive:

    Per Antonio:
    Una domanda sul pellet amokè che usi tu, ma il sacco di che colore è? anch io sto provando pellet amokè, solo che si chiama ALTINYA ed è un prodotto della gamma AMOKé, e’ lo stesso??dici che posso andare sul sicuro?? Lo sto pagando 3.90 al sacco,e sto per prenderne un bancale, vado sul sicuro???? grazie anticipatamente

  270. maverik scrive:

    salve vorrei sapere e possibile che in stufa a pellet se si cambia la marca del ppellet bisogna reinpostare i parametri di ventilazione ed altro della stufa ,
    il tecnico mi dici di si , il rivenditore mi dice di no e ogni quanto si deve pulire

  271. vanni scrive:

    Per MAVERICk:
    è possibile cambiare tipologia di pellet senza dover modificare alcun parametro della stufa.Per quanto riguarda la pulizia,molto dipende dal tipo di pellet che usi,dato che alcuni sporcano maggiormente…comunque ti consiglio di efffettuarla almeno una volta ogni due gg per avere una stufa sempre pulita in modo che possa lavorare sempre al meglio.ciao

  272. raffaela scrive:

    Ho bisogno di aiuto. Per domani debbo decidere per una stufa a pelletts fra Tosca Plus Extraflame, Marianna di Dal Zotto e Laura Ecoteck… Debbo portare la canalizzazione in una stanza di dimensioni notevoli, il tecnico Dal Zotto mi ha detto che la Tosca Plus è meglio della Marianna, avendo una doppia ventola e una canalizzazione del 50% contro un 20 dell’altra. Ovvio, della Laura non mi ha detto. Ma nelle caratteristiche tecniche della Tosca, su internet, non ho trovato questa doppia ventola…
    Il rivenditore aspetta la mia decisone. lui propende per l’ecoteck…ce l’ha in casa, insieme alla Marianna, mentre la Tosca Plus la dovrebbe ordinare…
    Che faccio?
    Grazie per un’aiuto, è veramente un S.O.S. !!!
    Auguro a tutti delle Feste serene intanto…
    Raffaela

  273. adriano scrive:

    ciao a tutti,
    AIUTO…. La mia stufa a pellet modello Loretta Dal Zotto, da una settimana si comporta in modo anomalo, ovvero si spegne all’improvviso dopo una decina di ore di funzionamento con allarme DEPR FAIL . il bracere si presenta pieno di una polvere cristallizzata e compatta e le pareti interne di ghisa sono nere……qualcuno mi aiuti per favore a capire la causa, la qualita’ del pellet e sempre la stessa …io utilizzo AMOKE …. a parte il grande freddo di questi giornii all’esterno non ho fatto alcuna modifica………

    grazie a tutti quelli che mi aiuteranno a capire….

  274. vanni scrive:

    Per Adriano:
    non vorrei sbargliarmi nel darti un cattivo consiglio , ma è capitato anche a me di avere problemi con la stufa.In particolare problemi di accensione, ed ho notato che derviano dal tipo di pellet (proprio il pellet AMOKé), in pratica a me succedeva che rimanevano residui di cenere solidi e il braciere si riempiva fino all’orlo riducendo lo spazio per il nuovo pellet in entrata, e ovviamente la stufa a volte se non pulita almeno due volte al giorno non si riaccendeva.Inoltre il medesimo pellet rendeva il vetro nerissimo e difficile da pulire. ho cambiato pellet ed ora non ho piu problemi.potrebbe quindi dipendere da questo anche perche l’allarme depressione si ha per problemi di tiraggio nella canna fumaria e dunque depressione insufficiente. magari prova anche tu a cambiare forse risolvi,ciao

  275. adriano scrive:

    per Vanni
    mi sa che avevi ragione oggi è intervenuto un tecnico e dopo avere fatto una pulizia accurata (la ventola di aspirazione fumi era completamente incrostata dopo solo 2 mesi di utilizzo della stufa!), mi ha vivamente consigliato di cambiare pellet dicendomi che quello che sto’ utilizzando ora non è di buona qualità.. mi ha consigliato altre tre marche che vengono utilizzate normalmente sulle stufe Dal Zotto e non hanno mai creato problemi.Il problema è che mi rimangono 65 sacchi di pellet :-(
    Grazie comunque del consiglio
    ciao

  276. Ruggero scrive:

    La mia esperienza.
    Ho due stufe a pellet Montegrappa, una da 11 kw una da 9 kw.
    Ho fatto diversi test per cercare di capire quale fosse il pellet più idoneo alle mie esigenze e alla resa delle stufe.
    Indubbiamente il pellet in abete (quello chiaro) è risultato il più efficace, sia per resa calorica che per sporcizia.
    Il pellet migliore che ho provato è quello della Binder-Holz ditta austriaca, FANTASTICO !!!
    Volevo anche dire questa cosa che non molti sanno.
    La fabbricazione di pellet in Italia non è regolamentata, o meglio non ci sono normative specifiche, motivo per qui le ditte si permettono di mescolarci bancali, mobili, immondizie etc etc, in Austria ed id in Germania invece esistono ben due Normative per far rispettare la qualità della produzione di pellet, normative DIN e normative ONORM, queste implicano l’utilizzo di solo legno puro e non derivati, pensate che non è concesso utilizzare nemmeno la corteccia (quella normalmente la usano per i tronchetti da caminetto), risultato: pellet magnifico, resa calorica super, non per questo il pellet Austriaco è rinomato.
    Per la cronaca, quest’anno sono riuscito a trovare un pellet prodotto in Austria e imbustato con sacchi della ditta importatrice, molto molto buono, sempre abete, marchiato DIN.
    La ditta è di Conegliano (TV) ed è un’agraria che se lo fa preparare appositamente, il loro sito è http://www.agriplant.com non li conosco personalmente quindi non faccio il nome al fine pubblicitario ma solo per dovere di cronaca (pagato, 3,50 al sacco da 15 kG)
    Ciao a tutti.
    Ruggero

    ps. un paio d’anni fà in Austria ho trovato dei sacchi marchiati Shell….lo stesso gruppo che distribuisce prodotti petroliferi, altro ottimo pellet.

  277. paolo scrive:

    ho disponibilita’ di pellets firestixx premium in zona cento di ferrara info 348 511 64 56

  278. pas79 scrive:

    ciao a tutti,sono possessore di una stufa mcz,ho usato sempre pellets sitta mister focus di faggio,lo pago5 euro a sacco, ci sono altre marche di uguale qualita a un prezzo migliore,mi dareste indicazioni,grazie

  279. pas79 scrive:

    a volevo dire anche che è un ottimo blog,complimenti!

  280. domenico scrive:

    Salve,
    sono un agente di commercio, vendo sia le stufe che il pellet, un consiglio sul pellet, quando l’ho acquistate chiedete sempre la scheda tecnica e la certificazione DIN, un buon pellet deve avere un potere calorifico che va da 4,7 a 5,2 kwh/kg, umidita’ max 10%, residuo max 0,5%, misure 5,5/6 mm per max 30 mm, deve essere legno naturale, abete e faggio primeggiano.

  281. PRISCO scrive:

    Salve a tutti.Avrei bisogno di un consiglio per l’istallazione di una stufa thermorossi h2o.Considerando: la superficie dell’appartamento posto su di un unico livello di 150 m2, la presenza di 9 termoarredo e una ottima coibentazione, quale tra i modelli da 24kw e 34kw mi converrebbe istallare?Saluti.

  282. Aurora scrive:

    HELP!Qualcuno può darmi informazioni relative alla stufa della Klover Diva plus?Non ho trovato nulla a riguardo che potesse illustrarmi il funzionamento, la silensiosità..insomma, è una buona stufa?Dovrei istallarla per un ambiente di 160 m2.Tutte le informazioni ed i consigli sono bene accetti!Soprattutto da chi come me è costretto a casa da questo tempaccio!

  283. Daniele scrive:

    Ciao a tutti. Sto cercando un inserto a pellets con possibilità di inserimento pellets tramite cassetto a scorrimento. Mi sono soffermato sul modello nordica plus e mcz compact. Quale la migliore?altri consigli di marche e/o modelli. Grazie !!!

  284. Francesca scrive:

    Salve a tutti, io e mio marito vorremmo comprare una stufa a idro e stiamo pensando per la stufa GENOVA di Ravelli, qualcuno di voi se ce l’ha ci sa dire se è un ottima stufa? Fino a quanti m2 può riscaldare? La nostra casa è di 100 m2 ed è alta 3 metri nella zona giorno e 2.70 nella zona notte, riscalderà la nostra casa? Aiutateci. E’ urgente.
    Grazie

  285. luigi scrive:

    Buongiorno ho recentemente acquistato una stufa a pellets marca Cola, la più semplice che ho trovato sul mercato: niente avvio o temperatura programmabile ecc.ecc.e mi va bene così.
    Ho però notato che la temperatura dei fumi di scarico é MOLTO elevata tanto che non é possibile tenerci sopra la mano anche dopo un percorso degli stessi di c.a 2mt dall’uscita della stufa.
    E’ cosa normale per le caldaie a pellets?
    Chiedo: esistono in commercio dei tubi alettati per detti scarichi al fine di abbassarne la temperatura e recuperare un po’ di calore?
    Altre idee per recuperare tale calore che va in camino?
    Su internet ho trovato informazioni per l’utilizzo di tali tubi in scambiatori di calore. Chiaramente non vanno bene per il mio problema
    Grazie.

  286. luigi scrive:

    Mi sono letto tutti i commenti e la impressione che ne ho avuto é che alla fine se le cose funzionano é perchè hai avuto ‘popò’?
    Sbaglio forse?
    Credo proprio di aver fatto bene a comperare il modello meno sofisticato di stufa a pellets.
    C’è molta fuffa nella pubblicità dellecase costruttrici.

  287. Michela scrive:

    Salve a tutti. Sono in procinto di acquistare la stufa a pellet Lisa Plus della Ravelli (Ecoteck). Qualcuno che ce l’ha già può darmi le sue impressioni? E’ possibile recuperare poi i parametri in qualche modo? Abitando in una villetta a schiera con altre accanto (siamo a forma di U, per intenderci) posso mettere i tubi esterni, dando comunicazione al Comune, senza chiedere l’approvazione dei vicini o sono in qualche modo vincolata alla loro approvazione? Non abbiamo nessun amministratore condominiale perchè l’unico spazio in comune è il cortile dei garage e il tubo esterno sarebbe proprio sulla facciata posteriore, che dà sui garage.
    Grazie infinite per i numerosi consigli che si trovano.
    Michy

  288. stefy 75 scrive:

    salve a tutti vorrei sapere un parere sul pellet della terrasan powerstixx ed inoltre cosa pensate della klima 9 royal gruppo palazzetti?grazie mille

  289. pinko scrive:

    il pellet terrasan per usare un termine fantozziano ” e’ una cagata pazzesca!” saluti pinko

  290. Ivan scrive:

    Salve a tutti.. Ecco anche una mia risposta al “quesito” di Francesca, con anche una domanda che la seguirà.. allora, cara Francesca, l’ IDROSTUFA mod GENOVA della RAVELLI, l’ho montata io in casa mia, circa 3 mesi fa.. casa mia è una villetta, e lo spazio che essa riesce a scaldare è di 360 m2.. fornisce acqua calda ai termosifoni, x 11 elementi totali.. x ora va bene, forse consuma un po tantino, visto che x tale volume, mi vanno via 2 sacchi al di:(, considerando che casa mia è stata fatta nel 1990, e che la temperatura a casa, è di 19 gradi circa.. Come dicevo, avrei anche una domanda, x gli esperti del “combustibile” di tale stufe.. ho aquistato un bancale di pellet, prodotto in LITUANIA, e distribuito da verona, di nome ENERPLUS, potere cal 4.9kw,umidità 8% ottenuto da estrusione di legno, e segatura raffinate esente da sostanze nocive, ABETE 100%, con certificati,DIN PLUS, M7135, poca segatura residua nel sacco.. L’ho pagato circa 3.80E al sacco.. Qualcuno di voi mi sa dire se conosce questa marca, e se ritiene che sia un buon pellet?.. Grazie “Colleghi”, attendo risposta..

  291. Francesca scrive:

    Salve, ho due stufette a pellet e vorrei un consiglio sul miglior pellet da utilizzare a prezzo modico (per me 5 euro per 1 sacco di 15kg non è modico). C’è chi dice abete per il potere calorifero, c’è chi dice faggio per altri motivi ecc ecc, a me serve uno che prima di tutto bruci più lentamente in modo che la stufa stia accesa per lo stesso tempo ad esempio però con meno quantitativo di pellet, e che non sporchi dannatamente perchè molti problemi delle stufe sono dovuti ai residui della bruciatura del pellet. Non mi interessa il potere calorifero se ad esempio per lo stesso quantitativo di pellet uno mi scalda meglio la stanza, l’altro la scalda di meno, non so se mi sono spiegata….la stanza è piccola, non ho bisogno di potere calorifero elevato ma bensì di lenta combustione. Se poi oltre a dirmi quale tipo di pellet sia più efficace/efficiente sapete anche dirmi dove trovarlo, su quale sito o il contatto, ve ne sarei davvero grata.

  292. gigi scrive:

    ciao ho una stufa eurostek termoidro 17 kw la conoscete?ho avuto un problema(si è rotta la coclea
    )problema risolto in garanzia,la stufa scalda bene, però annerisce un pò il vetro,sapreste consigliarmi un pellet adatto a questo tipo di stufa?e darmi qualche suggerimento?Grazie in anticipo gigi

  293. bigrace scrive:

    ….torno sul sito dopo due anni ed ho bisogno di un cortese aiuto.
    Sto per spostare di un piano la mia Piazzetta p960 e dovendo allungare i tubi di scarico fumi avrò probabilmente bisogno di modificare i parametri del depressore.
    Mi sapreste cortesemente indicare la procedura o dove reperirla sul web?
    mooooolte grazie.
    Franco

  294. Antonello scrive:

    Io ho comprato una FACI, chi la conosce??????

  295. pinko scrive:

    FA CI CIOE STUFA FACIDAREINTALCUL INTENDI?

  296. zanchi davide scrive:

    ciao. ho una stufa montegrappa (splendida)! ho acquistato un pellet di abete. mi dicono pero’ che questo tipo di legno contenendo la resina, può dare problemi a lungo andare. Molti mi parlano bene del faggio e del rovere… voi che ne dite? grazie

  297. Marco scrive:

    Vendo a Maslianico (CO) ottimo pellet abete € 4,50 al sacco:
    potere cal. kwh/kg 5,3
    cenere 8/10%

    Marco

  298. mauro scrive:

    Salve, intanto ringrazio il sito e amministratori che ci mettono a disposizione qs bella oportunità, volevo solo un chiarimento, insomma da quello che leggo…si dice che l’abete sia migliore….ma io sto dell’idea che un buon pellets debba avere un residuo basso di cenere..e sporchi poco., che eviti intasamenti… di conseguenza qual’è la materia prima migliore (tipo di conifera..o altro) ??

  299. Marco scrive:

    l’abete dovrebbe essere migliore in quanto contiene resina e altre sostanze atte a rendere il pellet più compatto rispetto ad altre essenze; pellet più compatto = pellet migliore

  300. giuseppe scrive:

    Io ho acquistato una Nordica Extraflame non ricordo il modello ma è la più piccola della gamma.

    NON L’AVESSI MAI FATTO !!!!!

    premetto che non è un problema di pellets perchè li ho provati tutti.
    la stufa si blocca SEMPRE dopo anche solo un’ora di funzionamento, in pratica si blocca perche nel “fornelletto” (crogiolo) non so come chiamarlo, i residui di pellet combusto non cadono completamente attraverso gli appositi fori e formano uno strato che intasa, provocando lo spegnimento automatico della stufa e il messaggio “DEP FAIL”. meno male che ho anche una stufa a legna di tipo tradizionale, altrimenti sarei morto di freddo. Mai più stufe tecnologiche, inoltre il pellet è come la benzina, ogni tanto aumenta e nessuno sa perchè……

  301. antonella scrive:

    Ciao a tutti, io ho una termostufa Pisa, di ecoteck ravelli, potenza 24 mi sembra che scalda abbastanza, anche se consuma parecchio….
    il problema è che al massimo regime, cioe’ a potenza 5 emana una puzza come quella dei primi gg. di accensione.
    Lo fa sempre alla potenza max, nn capisco se è il pellet oppure la stufa, ma cosa posso fare?
    qualcuno sa darmi qualche consiglio?
    grazie e saluti

Sei sei un CAT registrato ricordati di accedere prima di commentare!