Cosa sono i pellet

I pellet di legno sono dei piccoli cilindri pressati la cui materia prima è fornita da resti di legno non trattati, come ad es. segatura e trucioli. Questi materiali vengono sminuzzati e pressati in pellet ad elevata pressione. I pellet non contengono nessun additivo – infatti è la stessa lignina presente nel legno a fungere da collante naturale.

Buoni pellet di legno presentano un’umidità residua minima – ciò comporta un elevato potere calorifico e ridotti valori di emissioni. Le stufe a pellet Calimax sono programmate per funzionare con pellet aventi un diametro di 6mm.

Lucidi, lisci, lunghezza regolare e poche polveri – da questo si riconosce la buona qualità dei pellet. Ed ecco un semplice test di qualità: i pellet di buona qualità affondano se messi in acqua, mentre quelli di cattiva qualità restano a galla.

Questo combustibile è normatizzato secondo DIN 51731 o Ö-Norm M7135. Le stufe a pellet possono venir alimentate solo con pellet normatizzati.

I pellet richiedono la metà dello spazio di stoccaggio necessario per la legna. Sia il trasporto che l’immagazzinamento non costituiscono un pericolo (potenziale) per l’ambiente. Generalmente le distanze di trasporto sono brevi in quanto si usano scarti di legname locale. I pellet devono essere trasportati e immagazzinati asciutti, poichè l’umidità li gonfia impedendone l’uso nelle stufe.

I pellet sono facili da maneggiare e si possono avere o in pratici sacchetti di plastica e carta o sfusi. Questo tipo di combustibile altamente ecologico ad elevato rendimento e molto compatto offre così anche un eccellente comfort.

Usare i pellet nel riscaldamento aiuta l’ambiente, in quanto la combustione dei pellet non aumenta la quantità di CO2 nell’atmosfera. I pellet inoltre sono un’”energia dalla madrepatria”, contribuendo al mantenimento ed all’aumento di posti di lavoro locali. E non per ultimo: le stufe funzionanti a pellet diffondono un calore altamente piacevole!

via CALIMAX

Info su Ferdinando

Ingegnere elettronico ed esperto di web2.0, possiede una stufa a pellet Palazzetti EcoFire da circa 6 anni. Ha creato e gestisce questo blog circa un anno fa. Non è un tecnico nel campo delle stufe, quindi si limita a scrivere semplici articoli che vengono arricchiti dai commenti dei visitatori e degli altri autori del blog molto più esperti di lui..

15 risposte a Cosa sono i pellet

  1. sqwlt mgboiet scrive:

    dohxieq acfxzkwn egaflcjt tqskcafy aeuvoxy hbevzdq tnhjpqfdg

  2. Riccardo scrive:

    “Eco Pellet” pellet chiaro di elevata qualità (faggio 30% rovere 20% e abete 50%) a 3,50 € al sacco da 15 kg negli stabilimenti di Ecopellet a Perugia. Consegne in tutta italia senza ordine minimo. Chiaramente occorre valutare l’incidenza del costo del trasporto ma per ovviare a questo eventuale problema basta organizzare dei gruppi d’acquisto…il prezzo scende molto se si viaggia a pieno carico (fino a 240q).
    Inoltre, Ecopellet sta cercando di creare una rete di distributori in esclusiva su tutto il territorio nazionale, offrendo a questi tutta una serie di servizi aggiuntivi…a breve sul sito tutte le informazioni necessarie.

  3. Fabrizio scrive:

    Ciao Riccardo sono molto interessato alla proposta eco pellet, ti lascio la mia mail, contattami !! fabriziettobotti@tiscali.it

  4. parlanti roberto scrive:

    cancamillin ma chi sono questi tuoi amici?

  5. cancamilin scrive:

    Bisogna tirare le orecchie a Ferdinando, è lui che controlla spam e può bannare.

  6. cancamilin scrive:

    ferdinando!!!!!!!

  7. Ferdinando scrive:

    mamma mia non ci si può distrarre un attimo che ti riempono il blog di spam!

    Ora ho cancellato tutto, spam automatico e umano..

  8. drmo ckqb tixmkn wsop

  9. nokia scrive:

    izhxjt spkcvtl ywsmtkn zahj

  10. ce depot scrive:

    akdzjf ktfyx nmzhvu onfsx

  11. bruciabrucia scrive:

    ho chiaccherato con un produttore di pellet … e mi ha detto queste cose:
    1 si usa l’abete per fare i pellet perchè ha più legante ( lignina )
    2 ha più potere calorico essendo comunque un resinoso
    3 è un legno morbido quindi in fase di trafilatura è più facile da lavorare
    lui fa pellet di abete e faggio e dice che deve mischiare per forza le due essenze altrimenti il pellet legherebbe poco se fosse tutto faggio … però mi ha anche detto in modo ufficioso che i migliori pellet sono quelli di legni duri …latifoglie per intenderci … faggio betulla quercia rovere …. perchè sporcano molto meno proprio per via del fatto che non sono resinosi hanno potere calorifico inferiore alle conifere ma in compenso bruciano più a lungo … in teoria con un pellet di pura latifoglia bisognerebbe ridurre i giri coclea in on per diminuire l’apporto di pellet… il problema vero è che nessuno fa pellet di puro rovere o puro faggio perchè la materia prima è più scarsa costa di più e per far legare bene il pellet senza aggiunta di abete dovrebbero diminuire la produzione oraria di circa 150 kg l’ora lui mi diceva che il suo impianto fa 1000 kg di pellet all’ora se passasse alle produzione di puro faggio o puro rovere perderebbe circa il 20 % per questo tutti dicono che i pellet migliori sono di abete in realtà secondo lui è solo un mito creato dai produttori di pellet .. io non so bene cosa pensare … voi che idea ve ne fate? cosa ne pensate?

  12. bruciabrucia scrive:

    Volevo consigli su questa idea e sentire che ne pensate. Io ho una stufa mcz hydro da 23 kw
    Si sa che la caldaia consuma tanto in fase di spunto , quindi consuma quando deve portare in temperatura l’abitazione .
    Avete mai pensato ad un uso combinato?
    Stufa a pellet dalle 6 di mattino sino alle 15 ( 9 ore di lavoro circa un sacco di pellet ) …casa calda…. si spegne in automatico la stufa e la temperatura raggiunta viene mantenuta dalla caldaia a metano.
    La caldaia a metano non consumerà molto nelle restanti ore perchè troverà la casa già calda e non avrà picchi ma dovrà solo mantenere la temperatura prodotta dalla stufa a pellet.
    Bisognerebbe capire se le restanti 5 o 6 ore in cui funzionerà la caldaia a metano costano meno che le stesse 5 o 6 ore a pellet.
    anche se la spesa fosse paritaria c’e’ il vantaggio che spegnendo la stufa 6 ore prima vi è una notevole usura in meno degli organi della stufa e più comodità per le eventueli pulizie giornaliere del braciere etc.
    Che ne pensate?

  13. giuseppe scrive:

    buongiorno a tutti io devo dire che da quando ho messo la stufa a pellett problemi non ne ho per scaldarmi ma sul pellett devo dire che e diventato uno schifo vendono porcheria e te lo fanno pagare proprio caro un sacco .ormai viviamo in un mondo di ladri e credo che piu’ andiamo avanti e piu’ peggiora l’ italia ciao a t
    utti

Sei sei un CAT registrato ricordati di accedere prima di commentare!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>